Record di iscritti al test di ammissione per corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria per l’anno accademico 2019/2010. Il Miur specifica che sono 68.694 i candidati che proveranno a superare la barriera della prova d’accesso. Lo scorso anno erano 67.005, quindi 1.689 in meno. Aumento considerevole è stato registrato per gli iscritti alla facoltà in lingua inglese, che passano dai 7.660 dello scorso anno ai 10.419 per il 2019. Diminuiscono invece gli aspiranti veterinari: da 8.136 nel 2018 a 7.78o quest’anno. Il ministero dell’Istruzione aveva disposto per quest’anno un aumento dei posti disponibili, quasi 1800 in più rispetto al 2018, che però è stato di poca consolazione alle decine di migliaia di giovani aspiranti medici, che si erano illusi della possibile abolizione della prova d’ingresso, prima annunciata e poi smentita da Palazzo Chigi, che aveva rettificato dicendo che il passaggio all’accesso libero sarebbe arrivato per gradi. La novità del 2019 però è proprio il test stesso, che cambia rispetto agli scorsi anni.

Le iscrizione, aperte il 3 luglio scorso, si sono chiuse alle 15.00 del 25 dello stesso mese. Nonostante l’aumento, i posti a disposizione sono pochissimi rispetto alle domande: 11.568 quelli per Medicina e Chirurgia, 1.133 quelli per Odontoiatria, 759 quelli per Medicina Veterinaria. Entreranno circa 1 candidato su 9 e 1 su 16 all’Università Statale e alla Bicocca di Milano. Le date delle prove sono programmate per settembre: il 3 quella per Medicina e Odontoiatria in lingua italiana, il 12 per la stressa facoltà in lingua inglese e il 4 per quella Medicina veterinaria.

Del test rimane uguale il numero di domande, 60, alle quali i candidati dovranno rispondere in 100 minuti, ma cambia la distribuzione per argomenti. Vengono dimezzate domande di logica, che passano da 20 a 10, mentre aumentano da 2 a 12 quelle di cultura generale. A queste di aggiungono poi i quesiti di chimica, biologia, fisica e matematica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scuola, via libera del Ministero delle Finanze all’assunzione di 53mila docenti entro il 2020

prev
Articolo Successivo

Mense scolastiche, la Cassazione dice no al panino da casa: “Non esiste un diritto soggettivo”

next