Foto da Cnn.com

Nonostante il fatto che manchi quasi un anno alla Convention democratica americana e ancora di più alle elezioni presidenziali del 2020, la corsa alla Casa Bianca sta entrando nel vivo, se dal lato repubblicano i giochi sembrano quasi fatti (Donald Trump ha gioco facile a riottenere la candidatura forte dei suoi risultati nell’occupazione e nell’economia), sul versante democratico il campo è talmente affollato che anche nella seconda tornata dei dibattiti i candidati saranno divisi in due gruppi da dieci e si scontreranno in serate distinte, proprio come avvenuto a Miami nel primo dibattito organizzato dall’emittente Nbc.

Nelle notti (prime ore del mattino in Italia) di martedì 30 e mercoledì 31 luglio le luci degli studi si accenderanno a Detroit (Michigan) per il secondo dibattito ufficiale questa volta organizzato dall’emittente all news Cnn.

Ecco chi sono i candidati democratici in lizza per un posto di sfidante contro Trump alle prossime presidenziali americane del 2020:

Sulla carta i candidati sono ancora 24 (il ritiro di Eric Swalwell ha visto l’ingresso del miliardario Tom Steyer), ma solo in venti si sono qualificati (superando con percentuali significative almeno tre sondaggi tra nazionali e locali). La prima sera saliranno sul palco: Marianne Williamson, Tim Ryan, Amy Klobuchar, Pete Buttigieg, Bernie Sanders, Elizabeth Warren, Beto O’Rourke, John Hickenlooper, John Delaney e Steve Bullock. La seconda: Michael Bennet, Kirsten Gillibrand, Julian Castro, Cory Booker, Joe Biden, Kamala Harris, Andrew Yang, Tulsi Gabbard, Jay Inslee e Bill de Blasio.

Sono stati così suddivisi in maniera più o meno casuale dopo una sorta di estrazione-lotteria andata in onda in diretta sulla CNN dove gli spettatori da casa non vincevano niente, che ha causato l’ilarità dei commentatori della Fox per almeno una settimana.

Faccia a faccia principali

Occhio alle posizioni centrali sul palco, lo scontro più atteso nella prima serata sarà tra Warren vs. Sanders, i candidati a detta di molti commentatori più omogenei e progressisti, dove nessuno prevede attacchi personali vista la stima reciproca. Nella seconda serata, invece, sarà riproposto il duello Biden vs. Harris che ha retto le cronache per diversi giorni dopo il primo dibattito. Non ci sarà Eric Swalwell, è stato il primo tra i dem a ritirarsi, pretendeva da Biden di farsi “passare la torcia” ma dopo un mese con i sondaggi fermi a meno dell’ 1% ha preferito passare lui stesso la mano.

Il regolamento del secondo dibattito democratico

La Cnn per l’occasione ha prodotto un nuovo regolamento che permetterà a tutti di parlare lo stesso tempo e di avere la possibilità di replicare a uno dei candidati alzando la mano se si è chiamati in causa. Si darà modo ai candidati di presentarsi, si avranno a disposizione 60 secondi per rispondere alle domande dei tre giornalisti/moderatori e 30 secondi per replicare a qualcuno degli altri candidati. Tutti i dettagli a questo link.

L’importanza dei sondaggi

I candidati che si sono qualificati per questo dibattito potrebbero non qualificarsi per il dibattito di settembre. Secondo le notizie della Cbs, i parametri per i dibattiti di metà settembre saranno molto più severi: “Nel terzo round, i candidati dovranno raggiungere il 2% in quattro sondaggi tra nazionali e locali e aver raccolto fondi da almeno 130mila donatori unici”. Quindi presto il campo potrebbe restringersi a cinque-sette candidati. Sono stati numerosi i sondaggi in questo mese di luglio e vedono sempre in testa Biden, che supera spesso il 20%. A seguire la pattuglia dei candidati più radicali (Warren, Harris e Sanders) con quote comprese tra meno del 20% al 15%. Spicca dal gruppo degli altri candidati, con sondaggi che vanno dal 4% al 5%, Pete Buttigieg.

Come seguire il dibattito in tv

A Detroit saranno le otto di sera e gli americani del Nord-Ovest si sintonizzeranno con la Cnn via cavo o sul canale di lingua spagnola Telemundo, in Europa potremo seguirlo in live streaming su Cnn.com dalle tre del mattino di mercoledì 31 luglio e il secondo dibattito sempre allo stesso orario il giorno 1 agosto. Al termine delle due serate come di consueto valuteremo la comunicazione e l’incisività di ogni candidato. Restate sintonizzati.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Capital One, hackerati i dati personali di oltre 100 milioni di clienti in Usa e Canada

next
Articolo Successivo

Iran, condannato a morte ex sindaco Teheran che confessò in tv di aver ucciso la moglie

next