“Immaginate di svegliarvi una mattina e di far colazione. Un’ordinaria mattinata d’estate. Mentre state per andare al mare, ad un certo punto parte una videochiamata di un numero che non conoscete. Due ragazze mi dicono: ‘Michelle devi fare qualcosa tua figlia ha pubblicato il tuo numero su Instagram. Noi l’abbiamo visto e ti abbiamo chiamato. Secondo noi adesso ce l’ha tutta Italia’”. È iniziata così la disavventura di Michelle Hunziker dopo che la figlia Aurora Ramazzotti ha pubblicato per sbaglio in una sua storia su Instagram il numero di telefono della madre. Da quel momento infatti, la showgirl svizzera è stata letteralmente invasa dalle chiamate e dai messaggi dei fan e a nulla è valso l’appello da lei lanciato sui social perché la smettessero.

Michelel ha raccontato nel dettaglio cosa le è successo in questi giorni in un video su Youtube, spiegando che dopo 25 anni è stata costretta a cambiare numero di telefono. “DSono stati due giorni tragicomici. Il telefono non smetteva di squillare. Non sono riuscita neanche a fare una stories. Mi sono ritrovata nei gruppi Whatsapp di grigliate e allenamenti di tutta Italia. Per prima cosa vi devo ringraziare per tutto l’affetto. Ho letto tutti i messaggi, ma non sono riuscita a rispondervi perché il telefono era inutilizzabile. L’ho messo anche in modalità aereo, ma alla fine sono stata costretta a fare una cosa che non avevo mai fatto in 25 anni, cambiare il numero di telefono”.

“Quindi io saluto tutti quelli che mi hanno scritto, ho letto i messaggi, ma non ho potuto rispondere perché erano seicentomila. Però voglio dirvi che vi voglio bene”, ha aggiunto. Poi, con l’ironia che la contraddistingue, ha lanciato una frecciatina alla figlia Aurora: “Auri, preparati! Prima o poi posterò il tuo numero sulle mie stories. La vendetta è un piatto freddo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alessandro Borghi: “Forse mi piacciono pure i maschi. Se bevo due vodka lemon di solito ci baciamo”

next
Articolo Successivo

Carolyn Smith nella stanza della chemio: “Con il caldo i dolori aumentano e la trombosi non aiuta”

next