“Immaginate di svegliarvi una mattina e di far colazione. Un’ordinaria mattinata d’estate. Mentre state per andare al mare, ad un certo punto parte una videochiamata di un numero che non conoscete. Due ragazze mi dicono: ‘Michelle devi fare qualcosa tua figlia ha pubblicato il tuo numero su Instagram. Noi l’abbiamo visto e ti abbiamo chiamato. Secondo noi adesso ce l’ha tutta Italia’”. È iniziata così la disavventura di Michelle Hunziker dopo che la figlia Aurora Ramazzotti ha pubblicato per sbaglio in una sua storia su Instagram il numero di telefono della madre. Da quel momento infatti, la showgirl svizzera è stata letteralmente invasa dalle chiamate e dai messaggi dei fan e a nulla è valso l’appello da lei lanciato sui social perché la smettessero.

Michelel ha raccontato nel dettaglio cosa le è successo in questi giorni in un video su Youtube, spiegando che dopo 25 anni è stata costretta a cambiare numero di telefono. “DSono stati due giorni tragicomici. Il telefono non smetteva di squillare. Non sono riuscita neanche a fare una stories. Mi sono ritrovata nei gruppi Whatsapp di grigliate e allenamenti di tutta Italia. Per prima cosa vi devo ringraziare per tutto l’affetto. Ho letto tutti i messaggi, ma non sono riuscita a rispondervi perché il telefono era inutilizzabile. L’ho messo anche in modalità aereo, ma alla fine sono stata costretta a fare una cosa che non avevo mai fatto in 25 anni, cambiare il numero di telefono”.

“Quindi io saluto tutti quelli che mi hanno scritto, ho letto i messaggi, ma non ho potuto rispondere perché erano seicentomila. Però voglio dirvi che vi voglio bene”, ha aggiunto. Poi, con l’ironia che la contraddistingue, ha lanciato una frecciatina alla figlia Aurora: “Auri, preparati! Prima o poi posterò il tuo numero sulle mie stories. La vendetta è un piatto freddo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alessandro Borghi: “Forse mi piacciono pure i maschi. Se bevo due vodka lemon di solito ci baciamo”

prev
Articolo Successivo

Carolyn Smith nella stanza della chemio: “Con il caldo i dolori aumentano e la trombosi non aiuta”

next