Dopo che nelle ultime settimane le Regioni che si affacciano sul mare Adriatico sono state colpite da violenti fenomeni atmosferici, la costa adriatica si è mobilitata: in Veneto, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia sono state organizzate diverse mobilitazioni regionali all’interno della campagna “Per il clima, fuori dal fossile“. “Abbiamo bisogno di una rivoluzione che porti l’attuale modello energetico fuori dai combustibili fossili – dicono gli organizzatori -, che blocchi le grandi opere inutili impedendo l’ulteriore consumo del suolo e la devastazione ambientale. Un cambiamento radicale che possa trasformare profondamente le forme del lavoro e della produzione verso il superamento di un sistema economico irrazionalmente incentrato sullo sfruttamento degli esseri umani e dell’ambiente”.

Le varie realtà che hanno aderito alla campagna – tra cui Trivelle zero, No Gasdotto Snam, Siamo Ancona in tempo Veneto, No Tap, Stop velENI, Falconara Fuori dal Fossile, No Hub del Gas – chiedono lo stop di trivelle, gasdotti, raffinerie e petrolchimici, di tutti gli ecomostri “che devastano i territori, espropriano beni comuni, ambiente, paesaggio, qualità della vita e per esigere le sempre più urgenti bonifiche dei siti inquinati“.

Le mobilitazioni hanno avuto obiettivi diversi, inseriti però all’interno della stessa battaglia per la giustizia climatica: a Rimini per la transizione dalle fossili alle rinnovabili, a Falconara Marittima contro le trivelle, a Melendugno contro la Tap. E poi altri flash mob sono stati organizzati a Porto San Giorgio, a Giulianova, a Pescara e a Termoli. A Venezia, infine, mobilitazione è stato contro l’Eni: “Nell’attuale scenario nazionale – continuano gli organizzatori nel comunicato – Eni, che cerca di ripulire la propria immagine pubblica finanziando attività a sua detta green, è uno degli avversari dei movimenti per la giustizia climatica: Eni che è responsabile del disastro ambientale in Nigeria, della devastazione delle foreste in Malesia e Indonesia per la produzione di monocolture da cui estrarre biomasse, ora punta anche sulle trivelle per l’estrazione di gas”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Latina, torna l’appuntamento gourmet di Red Taste. E il protagonista è buonissimo

prev
Articolo Successivo

Orso M49, dopo la seconda fuga, ecco la nuova ordinanza del presidente Fugatti: “Se è pericoloso, abbattetelo”

next