“Secondo me deve andare a riferire in Parlamento sulla questione Russia. Sono sicuro che ci andrà e così ci darà anche modo come maggioranza di difenderlo”. Così Luigi Di Maio a margine dell’inaugurazione del nuovo Hub di Poste Italiane a Bologna riferendosi a Matteo Salvini.

“Soprattutto se si ritiene di essere strumentalizzati, ben venga un chiarimento in Parlamento perché parlare davanti al Parlamento è l’occasione per chiarire non ai parlamentari ma agli italiani”. Ha continuato Luigi Di Maio: “Quando il Parlamento chiama – aggiunge – è giusto che un ministro, un premier, un vicepremier, un sottosegretario risponda”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fondi russi alla Lega, Salvini: “Non sono coinvolto, io mi occupo di vita reale”. Di Maio: “Non svii attenzione, vada in Aula”

next
Articolo Successivo

Lega, Garavaglia: “Fondi russi? Oltre la fantascienza, il nulla. Governo? Difficile che duri se continuano tensioni con M5s”

next