La finale del 14 luglio 2019 tra Novak Djokovic e Roger Federer, terminata con la vittoria del numero uno serbo per 7-6 1-6 7-6 4-6 13-12, è già entrata negli annali della storia di Wimbledon e del tennis in generale. Una partita resa epica dalla classe del 37enne svizzero e dalla forza di Djokovic, che ha fatto segnare il record di durata per una finale ai Championship (4 ore e 57 minuti) e ha fatto esordire la nuova formula del tie-break sul 12-12 nel set decisivo. In molti l’hanno già definita la partita più bella tra quelle disputate sull’erba di Londra a partire dal 1877, anno del primo torneo ufficiale, vinto da tale Spencer Gore.

In 142 anni di storia – e 133 edizioni giocate – siamo andati alla ricerca delle quattro partite simbolo che hanno contribuito a rendere leggendari i campi di Church Road. Un gruppo ristretto di cui la finale tra Djokovic e Federer è già entrata a far parte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mihajlovic, la lettera: “Ricevuto un mare di affetto, grazie. Pronto a combattere”

next