La finale del 14 luglio 2019 tra Novak Djokovic e Roger Federer, terminata con la vittoria del numero uno serbo per 7-6 1-6 7-6 4-6 13-12, è già entrata negli annali della storia di Wimbledon e del tennis in generale. Una partita resa epica dalla classe del 37enne svizzero e dalla forza di Djokovic, che ha fatto segnare il record di durata per una finale ai Championship (4 ore e 57 minuti) e ha fatto esordire la nuova formula del tie-break sul 12-12 nel set decisivo. In molti l’hanno già definita la partita più bella tra quelle disputate sull’erba di Londra a partire dal 1877, anno del primo torneo ufficiale, vinto da tale Spencer Gore.

In 142 anni di storia – e 133 edizioni giocate – siamo andati alla ricerca delle quattro partite simbolo che hanno contribuito a rendere leggendari i campi di Church Road. Un gruppo ristretto di cui la finale tra Djokovic e Federer è già entrata a far parte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mihajlovic, la lettera: “Ricevuto un mare di affetto, grazie. Pronto a combattere”

prev
Articolo Successivo

Avellino, dalla promozione in C alla corsa scudetto fino al sequestro di 97 milioni al patron: calcio e basket sono in ginocchio

next