“Una fabbrica che uccide le persone va chiusa. Lo dico sapendo che arriveranno critiche dal mio stesso partito. Ma se ci fosse una situazione del genere a Milano, i cittadini la tollererebbero?”. A dirlo, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a Taranto dopo l’incidente in cui, a causa del maltempo, una gru dell’ex Ilva è caduta in mare, coinvolgendo un operaio, che risulta ancora disperso.

Solo due giorni fa, la Procura della città pugliese aveva ordinato lo spegnimento dell’altoforno 2, perché considerato poco sicuro per i lavoratori. L’inchiesta partì nel 2015, quando morì, per una colata di ghisa, il 35enne Alessandro Morricella. Tre anni prima, invece, a perdere la vita fu Francesco Zaccaria, scaraventato in mare dopo che un tornado si abbatté sull’impianto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taglio eletti, Di Maio dopo il sì al Senato. “Fine di ingordigia politica. Parlamento serviva a dare potere e basta”

next
Articolo Successivo

Autonomia, Di Maio: “Tavolo bloccato su scuola. Non si può scegliere in quale regione nascere”

next