Scontro tra M5s e Lega al tavolo per le AutonomieUn nuovo nulla di fatto, dopo le tensioni e gli slittamenti dei vertici precedenti. Ad attaccare è il Carroccio, attraverso le parole della ministra per gli Affari regionali Erika Stefani: “L’Autonomia è nel contratto di governo: se qualcuno ha cambiato idea basta che lo dica e non si vada allora ulteriormente avanti. Chiedo al M5s se per loro i referendum non valgono più nulla”, ha minacciato la ministra per gli Affari regionali Erika Stefani fuori da Palazzo Chigi. E ancora: “Spero in un ripensamento delle posizioni del M5S. Rinvio a settembre? Se ne deve parlare immediatamente, venga detto quel che vogliono o non vogliono fare. Se vogliono autonomia si segue un percorso, quello che abbiamo iniziato”, ha tagliato corto
Il M5s, al contrario, ritiene che le responsabilità per lo stallo siano da imputare alle posizioni leghiste: “Siamo noi che vogliamo sapere se la Lega ha cambiato idea. C’era un accordo sul fondo di perequazione. Questo testo ancora non lo abbiamo visto”, ha replicato la ministra per il Sud, Barbara Lezzi, parlando del tema dell’autonomia al termine del vertice a palazzo Chigi. E ancora: “Chiedono gabbie salariali, la Lega vuole tornare indietro di 50 anni“, ha attaccato l’esponente pentastellata. Tradotto, un’intesa, almeno per ora, è lontana

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autonomia, Di Maio: “Tavolo bloccato su scuola. Non si può scegliere in quale regione nascere”

next
Articolo Successivo

La7, lite Meloni-Parenzo. “Il suo libro ‘I falsari’ è autobiografico. Mi ha diffamato”. “Mi quereli allora”

next