“È sabato pomeriggio, nonostante l’ordinanza di Zingaretti, gli impianti hanno i cancelli chiusi e i camion non possono scaricare i rifiuti che Ama raccoglie ogni giorno”. Così la sindaca di Roma Virginia Raggi postando sul suo profilo Facebook il video di una sua visita questo pomeriggio a “un impianto di trattamento rifiuti fuori Roma che in base all’ordinanza di Zingaretti dovrebbe accettare i camion”, spiega la sindaca e che invece “ha i cancelli chiusi“. Secondo Raggi “è la prova che questa ordinanza non funziona, Zingaretti ha preso in giro tutti i romani”.

In serata arriva la smentita della Regione Lazio: “Una bufala inventata di sana pianta dalla sindaca Raggi – sostiene l’assessore Massimiliano Valeriani – l’impianto di cui lamenta la chiusura non è infatti contenuto nell’ordinanza regionale, per questo il mezzo Ama ha trovato chiuso. Si vergogni, sia per la malafede sia per l’incapacità. Come ho già spiegato gli impianti previsti dall’ordinanza stanno notificando tutti la propria disponibilità ad accogliere e trattare i rifiuti della capitale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Animalisti interrompono Salvini sul palco della Coldiretti: “Giù le mani dagli orsi”. Ministro: “Serve buon senso”

prev
Articolo Successivo

No Tav, il M5S Torino incontra gli attivisti. Restano le distanze fra i “no” e i “forse”: tutto rinviato all’incontro con Di Maio

next