Scontri interni a Forza Italia? Assisto abbastanza basito a quello che accade. Dopo le nomine di Berlusconi è cominciata una guerra tra eserciti di Franceschiello“. Così, ai microfoni de “L’Italia s’è desta” (Radio Cusano Campus), Giorgio Mulé, deputato e portavoce di Forza Italia, commenta le lotte fratricide interne al suo partito, all’indomani della nomina dei due coordinatori nazionali, Mara Carfagna e Giovanni Toti.

“In questa fase – continua Mulé – doveva esserci una sana e matura discussione sulle regole da mettere alla base delle primarie e dell’elezione dei nuovi coordinatori. Questa fase obbligava le persone che erano state incaricate di questo, ovvero Toti, Carfagna, Gelmini, Bernini (commissione che include anche Antonio Tajani e che è preposta alla realizzazione del nuovo statuto di Forza Italia, ndr), a fare tre passi indietro rispetto al dibattito politico interno per preparare le regole. E invece due ore dopo quelle nomine si è cominciato a dividere il bianco e il nero, i buoni e i cattivi”.

E rincara: “Ci sono delle cose abbastanza ridicole, che si scatenano a una certa ora. Se, ad esempio, Toti dice che oggi il cielo è blu e la Gelmini non l’ha interpretato bene, allora nel giro di un’ora si scatenano le batterie. Cioè escono sulle agenzie i fle dichiarazioni dei fan della Gelmini che dicono: ‘No, il cielo non è blu, ma è grigio come dice la Gelmini’. Ma di cosa parliamo? Berlusconi ha fatto questa scelta nelle nomine perché si tratta di un arricchimento. La posizione opposta di Carfagna e di Toti su Salvini? – prosegue – Puoi anche pensare che l’arancia non vada bene sul pesce, ma, quando lo provi, poi scopri che ci va benissimo. Per me è un grandissimo arricchimento che Toti e Carfagna possano ragionare insieme sul da farsi, anche in maniera robusta e ruvida. E’ eccellente come soluzione per evitare il pensiero unico. Devi avere, però, la maturità di avere quel ruolo, devi avere la leadership. Adesso non possiamo continuare a occupare le agenzie coi nostri sterili e inutili dibattiti”.

E chiosa: “Ci stiamo riducendo come il Pd? Veramente non c’è neanche l’effervescenza dei Civati e dei Cuperlo. Non abbiamo neanche quella capacità di far ridere

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5s, Vizzini: ‘Espulsa prima di voto su dl Sicurezza bis, così garantita obbedienza’. Castelli: ‘Non restituiva i soldi’

next
Articolo Successivo

Strasburgo, Berlusconi torna in Ue: “Deputati e commessi volevano foto con me. Qui sarò ascoltato con rispetto”

next