“Chi prova a minare una forza politica con dichiarazioni e libri, indebolisce il governo“. A dirlo, a Campobasso, il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, dopo lo scambio di battute a distanza con Alessandro Di Battista: “Quando ho letto che saremmo diventati ‘burocrati chiusi dentro ai ministeri’ mi sono incazzato” aveva detto il capo politico del M5s all’assemblea territoriale di Terni insieme agli esponenti locali del Movimento. Il concetto espresso da Di Maio in Molise è lo stesso che, poche ore prima, aveva messo nero su bianco sul Blog delle Stelle.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Politica e media discutono di cose che non esistono”. Economisti, professori e imprenditori uniti contro le fake news

next
Articolo Successivo

Minibot, Giorgetti sconfessa Borghi: “C’è ancora chi gli crede? Non verosimili”. Il collega replica: “Salvini è d’accordo”

next