“L’illusione della conoscenza”di Steven Sloman e Philip Fernbach. È questa la traccia più gettonata tra gli studenti italiani per la prima prova scritta dell’esame di Maturità 2019. Proposta nell’ambito della Tipologia B (analisi e produzione di un testo argomentativo) il brano tecnico-scientifico è stato scelto dal 31% dei ragazzi. Sul podio, appena più in basso, c’è il passo tratto dal libro “Istruzioni per l’uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà” di Tommaso Montanari, preferito dal 21% degli studenti. Al terzo posto, il 13% dei maturandi ha optato per la traccia “Tra sport e storia”, che ruota attorno alla figura di Gino Bartali.

Subito dopo, con l’11% delle scelte, l’analisi del testo di Leonardo Sciascia tratto da “Il giorno della civetta”. Mentre Giuseppe Ungaretti, con la poesia “Risvegli” tratta da “L’Allegria, Il Porto sepolto”, è stato scelto dall’8,5% dei maturandi. Stessa percentuale per la prima traccia di attualità, dedicata alla figura del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. L’8% degli studenti ha svolto la traccia dedicata all’eredità del Novecento. Quella su “L’illusione della conoscenza” è stata la traccia più scelta in tutte le scuole, con il 28,8% delle preferenze nei Licei, il 34% negli Istituti tecnici, il 32,2% nei Professionali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2019, le commissioni alle prese con le buste per l’orale. Ecco come funzionano

next
Articolo Successivo

Maturità 2019, ecco qual è per me il filo rosso delle tracce. Un vero antidoto all’odio

next