Foto: Depositphotos

Bill Gates, ex numero uno di Microsoft e filantropo, è la dimostrazione di come tecnologia e filatropia si stanno sempre più incrociando. Sembra una contraddizione, in realtà è un fenomeno umano, dovuto al fatto che i “grandi” del settore hi-tech stanno prendendo sempre maggiore coscienza dell’impatto che le loro tecnologie possono avere per il Pianeta, e di come queste possano contribuire al benessere globale ed essere sfruttate per porre rimedio a problematiche di tipo umanitario.

Ecco perché Google, Microsoft e Amazon hanno dato vita al “Famine Action Mechanism”, un sistema che sfrutta l’Intelligenza Artificiale per monitorare disastri ambientali, siccità e dati sull’agricoltura per far fronte al problema della fame nel mondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vodafone down, problemi di rete in tutta Italia. La compagnia telefonica: “Disservizio risolto”

next
Articolo Successivo

Huawei deposita il nome del sistema operativo proprietario ma altri fornitori la snobbano

next