Foto: Depositphotos

Il caso Huawei è l’esempio più chiaro di quello che si intende. Le tensioni commerciali tra USA e Cina possono, fra le altre cose, ritardare la chiusura degli accordi, avere impatti negativi sulle catene di fornitura, sui costi delle merci e, in ultima analisi, sull’economia globale.

Simone Del Bianco, Managing Partner di BDO Italia, spiega che “la strada che si sta aprendo davanti alle aziende del settore tecnologico è complessa, ma ricca di opportunità. Da un lato gli enti regolatori pongono restrizioni rigide per la tutela del mercato e dei consumatori, dall’altro invece le nuove tecnologie offrono strumenti innovativi per adattarsi a un mondo in continuo cambiamento. E sarà proprio il cambiamento la chiave per il successo: quelle realtà che riusciranno ad essere ‘disruptive’ nell’affrontare il contesto competitivo attuale, potranno rinnovarsi e crescere quindi in modo sostenibile.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vodafone down, problemi di rete in tutta Italia. La compagnia telefonica: “Disservizio risolto”

next
Articolo Successivo

Huawei deposita il nome del sistema operativo proprietario ma altri fornitori la snobbano

next