“E’ stata un’aggressione e uno stupro”, ha dichiarato Najila Trindade Mendes de Souza, la giovane modella che accusa il campione brasiliano Neymar di averla stuprata. La giovane, che si è definita una modella, ha spiegato che voleva avere una relazione con la stella del Psg. Ma Neymar l’ha picchiata e violentata quando si sono incontrati a Parigi. “Era mia intenzione avere un rapporto sessuale con lui”, ha raccontato Najila Trindade. La donna ha aggiunto che Neymar le aveva pagato l’hotel e i viaggi in aereo. Poi, rispetto all’atmosfera dei loro scambi a distanza, le cose sono cambiate durante il loro primo incontro: “Era aggressivo, totalmente diverso dal ragazzo che avevo conosciuto nei nostri messaggi. Volevo stare con lui così mi sono detta ‘Ok’, proverò a gestirlo. Abbiamo iniziato ad accarezzarci, a baciarci e fino a quel momento è andato tutto bene. Poi ha iniziato a picchiarmi. Le prime volte ho detto ‘ok’, va tutto bene. Poi ha iniziato a farmi molto male e gli ho chiesto di smettere”. Secondo la modella, Neymar si è scusato ma avrebbe continuato a picchiarla mentre facevano sesso.

Nel frattempo in rete è comparso un video di un presunto secondo incontro tra i due registrato dalla ragazza. Nel video si vede un uomo entrare in una stanza d’albergo e sdraiarsi sul letto. Dopo si avvicina una ragazza che ad un tratto si arrabbia con lui e lo aggredisce, accusandolo di averla violentata in precedenza. Neymar sostiene di essere innocente, e dopo che la stampa ha riferito che la giovane donna ha presentato una denuncia a San Paolo, ha pubblicato un video in cui afferma di essere vittima di una “trappola”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caduta Libera, ecco quanto deve sborsare Mediaset al ‘campionissimo’ del quiz di Gerry Scotti

next
Articolo Successivo

X Factor 2019, Salmo risponde ai fan: “Non sono loro ad avermi “pisciato”, ho rinunciato io a un sacco di soldi”

next