Dal 2008, subito dopo il telegiornale, a tenere compagnia al pubblico di La7 è Lilli Gruber. Una presenza fissa e autorevole nel palinsesto della settima rete che ieri sera i telespettatori non hanno trovato in onda. “Buonasera, benvenuti a Otto e mezzo. Non ho sbagliato sedia, siamo d’accordo con Lilli Gruber, che è all’estero per un impegno e che ritroverete sabato sera”, ha detto Giovanni Floris nei panni del sostituto temporaneo.

Il giornalista ha presentato subito gli ospiti Carofiglio, Scanzi e Sallusti per poi aprire il dibattito dal titolo “Di Maio salvato dai click“. Come mai la padrone di casa era assente? Nessun cambio di conduzione, nessun problema con l’azienda di Urbano Cairo e nemmeno un malanno di stagione. La giornalista, come detto da Floris, si trova all’estero più precisamente in Svizzera, a Montreux, dove dal 30 maggio al 2 giugno è in corso la 67esima riunione del gruppo Bilderberg

La Gruber è tra i 130 partecipanti, gli altri due intaliani sono Matteo Renzi e Stefano Feltri. Non è la prima volta che Giovanni Floris conduce una puntata di Otto e mezzo, era già successo a settembre 2014 poche settimane dopo il suo arrivo a La7. In quel caso l’assenza era dovuta a problemi di salute e la sostituzione per pochi giorni fu annunciata con una nota stampa: “A causa del protrarsi dell’assenza di Lilli Gruber, da questa sera lunedì 22 settembre, la conduzione di Otto e Mezzo sarà temporaneamente affidata a Giovanni Floris. Pertanto la programmazione della striscia DiciannovEquaranta, è stata momentaneamente sospesa per consentire a Giovanni Floris di condurre Otto e Mezzo. La decisione è stata presa dall’editore Urbano Cairo con il pieno accordo di Lilli Gruber, che tornerà quanto prima alla guida del suo programma“. Questa sera il pubblico di Otto e mezzo ritroverà in onda ancora Floris, da domani la padrona di casa tornerà al suo posto.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Dead to me’, la serie di Netflix che nasce da un lutto

next
Articolo Successivo

La Prova del Cuoco, Elisa Isoardi si commuove per l’ultima puntata: “Antonella Clerici è ancora nei cuori di tutti ma…”

next