Nove punti di distacco che segnano una sconfitta pesantissima. Tanto da indurre il premier Alexis Tsipras a chiedere al presidente della Repubblica Prokopis Pavlopoulos di andare a elezioni anticipate – probabilmente il 30 giugno – dopo il secondo round di domenica delle elezioni locali e regionali. Syriza arriva seconda alle elezioni in Grecia col 27%, battuta dai conservatori di Nuova Democrazia – che all’Europarlamento siedono nel Ppe – in testa al 34%. Arretra la formazione di estrema destra Alba Dorata, che si attesta al 6%. Nel 2014 Syriza aveva ottenuto 6 seggi (26,57%), Nuova Democrazia 5 (22,72%), Alba Dorata 3 (9,39%). Le elezioni avrebbero dovuto tenersi a ottobre.

Il voto di oggi potrebbe chiudere la parabola di Tsipras, iniziata 4 anni fa quando fu chiamato a risollevare un Paese al collasso economico. Parlando fuori dal quartier generale del partito ad Atene, il premier è stato lapidario. Queste elezioni dovevano essere un voto di fiducia sul suo governo, “ma i risultati non sono stati all’altezza delle nostre aspettative“. Tanto da costringere Tsipras all’extrema ratio: chiedere al presidente della Repubblica di convocare elezioni politiche anticipate, rispetto alla data programmata di ottobre.

Uno scenario di segno opposto per il premier rispetto a quello dell’autunno 2015, quando Tsipras stravinse le elezioni con oltre il 35%, sulle macerie di un paese prossimo al fallimento dopo decenni di politiche di bilancio sconsiderate, una disoccupazione alle stelle e la stretta soffocante dei creditori internazionali, a partire dall’Fmi. Da quel momento Tsipras smise i panni del leader radicale ed iniziò un faticoso cammino di risanamento, fatto di riforme lacrime e sangue, accettando i diktat delle istituzioni europee, al prezzo di un grande malcontento sociale, ma con il risultato di far uscire il paese dalle secche. Adesso però, Atene si appresta a voltare nuovamente pagina. Riportando al potere quella Nea Dimokratia che fece precipitare la Grecia nel precipizio, truccando i bilanci.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini, su Facebook la foto in cui canta vittoria: “Primo partito in Italia”. Ma sui social spuntano i meme satirici

next
Articolo Successivo

Europee 2019, Orlando: “Pd torna a crescere, c’è base per costruire alternativa. Lega? Ci preoccupa la sua avanzata”

next