Christian Bale (2005-2008-2012)

Batman Begins, The Dark Knight e The Dark Knight Returns. Inutile dire che Bale sembra nato per infilarsi la tuta del Batman ambivalente e definitivo, al contempo disilluso e potente, fragile e forzuto. Poi chiaro in questa mini saga nella saga diretta da Nolan ci sono pure diversi comprimari da paura come Gary Oldman, Michael Caine, Tom Hardy e il Joker di Heath Leadger. Indovinato il mood, un camaleonte mimetico come Bale non poteva che risultare il migliore.

Ben Affleck (2016)

Come si fa a parlar male di Affleck? Poveretto, lui ce la mette sempre tutta in ogni ruolo e riesce perfino a girare ottimi film come l’oscarizzato Argo, ma il suo uomo pipistrello (Batman vs. Superman: Dawn of justice) non è proprio nulla di che. Affleck poi così gonfio da scoppiare e con quella barbetta di un giorno è un Batman che sa più di burbero operaio dei telefoni di Boston che un uomo dal passato tormentato alla Bruce Wayne.

Adam West (1966)

È il Batman con la pancia prominente che entra di diritto tra i Batman su grande schermo perchè dalla memorabile serie tv nel 1966 venne tratto un lungometraggio perlopiù identico esteticamente al telefilm. West non ha mai brillato per prestanza fisica, e il suo Batman era un semplice ma efficace corpo cartoon in un’epoca in cui le star non andavano (grazie a dio) in palestra a fare pettorali tutto il giorno. Uomo pipistrello affabile e spiritoso, perennemente in pericolo di fronte ai villain e ai loro scagnozzi proprio per la scarsa atleticità, ma che si salvava all’ultimo dalle trappole mortali in quanto filantropo scienziato acuto e perspicace. Celebri i fulminanti balloon onomatopeici che sbucavano sullo schermo durante le risse con botte da orbi (lasciate in lingua originale). Un c’era una volta da lucciconi.

INDIETRO

“Robert Pattinson sarà Batman”, così l’eroe di Gotham City diventa millennial e molto hipster

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Chi è Luther Blissett?” Al Biografilm il doc sul progetto culturale che anticipò le moderne fake news e beffò giornali e tv. Il trailer

next
Articolo Successivo

Festival di Cannes 2019, Rocketman è anche più bello di Bohemian Rhapsody. Il biopic su Elton John funziona

next