“Chi è Luther Blissett?”. Sarà presentato a Bologna, alla 15esima edizione Biografilm festival  (in programma nel capoluogo emiliano dal 7 al 17 giugno) il documentario che racconta e ricostruisce le molteplici vite dietro questo nome e la storia del Luther Blissett Project, nato negli ambienti universitari bolognesi da un gruppo di studenti che poi successivamente sarebbero diventati i Wu Ming. Perché Luther Blissett è tutti e nessuno, è il “multiple name” di un progetto culturale, che dal 1994 al 1999 si diffuse in tutta Italia ed Europa. Le matrici del Luther Blissett Project erano due: la critica dell’identità e la guerriglia alla superficialità dei mass media. Da qui la costruzione di una serie di bufale, antesignane delle attuali fake news, con cui gli autori hanno ingannato i giornali e le tv di tutta Italia.  “Luther Blissett – informati, credi, crepa” è stato realizzato dal salernitano (bolognese adottivo) Dario Tepedino insieme alla giornalista Elisa Ravaglia, che ha firmato la sceneggiatura con la partecipazione di Angelo Colosimo. Per scoprire chi è davvero Luther Blisset quindi l’appuntamento è a Bologna, dove il film sarà proiettato in anteprima mondiale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Film in uscita, da Quando eravamo fratelli a John Wick 3 – Parabellum: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

prev
Articolo Successivo

“Robert Pattinson sarà Batman”, così l’eroe di Gotham City diventa millennial e molto hipster

next