Michael Keaton (1989-1992)

È il Batman gotico e piuttosto violento di Tim Burton che aveva diretto Keaton anche un anno prima in Bettlejuice. Keaton regala una doppia interpretazione, sia nella matrice Batman che nel sequel del ’92 Batman Returns, carica di magnetismo dallo sguardo penetrante e dalla voce ruvida e roca. Celebre la battuta di risposta al “chi sei?” nella sua prima apparizione, quando tiene per il bavero un delinquente sospeso nel vuoto: “Sono Batman”.

Val Kilmer (1995)

Un unico titolo (Batman Forever) per un grande disastro. Kilmer subentra a Keaton per un Batman meno dark e più family-friendly fumettoso, con momenti di straordinaria e volontaria ilarità come quando Nicole Kidman gli sfiora arrapata i finti pettorali della tuta. È il più raffazzonato e inqualificabile Batman della saga.

George Clooney (1996)

È il Batman piacione e dinoccolato più improbabile della storia. Già il film sembra un Flash Gordon camuffato da telefilm anni sessanta, Clooney qui ci mette quel tocco di charme e di fascino indiscreto che c’entra poco o nulla con le tenebre esistenziali del sofferente uomo pipistrello. C’è pure un Robin da piangere. What else? Niente, grazie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Chi è Luther Blissett?” Al Biografilm il doc sul progetto culturale che anticipò le moderne fake news e beffò giornali e tv. Il trailer

prev
Articolo Successivo

Festival di Cannes 2019, Rocketman è anche più bello di Bohemian Rhapsody. Il biopic su Elton John funziona

next