Adriana Volpe attacca la Rai il giorno dopo il rinvio a giudizio del Tribunale di Milano di Giancarlo Magalli. Il conduttore è accusato di diffamazione per le frasi che ha rivolto alla collega negli ultimi due anni, come “Rompipalle” oppure “Non parlo con le bestie”. Parole che la Volpe reputa oltraggiose e che costringeranno Magalli a difendersi nel corso del processo. Ora la conduttrice ha rotto il silenzio sul caso e ha denunciato responsabilità dei vertici della Rai.

“La Rai – ha detto la Volpe a Repubblica – mi ha mandato una lettera di richiamo in cui mi chiedono di tenere un profilo basso e di non dare interviste. Mi hanno lasciata sola. Magalli dichiara su Diva e Donna del 5 febbraio: ‘L’ho subita per otto anni, professionalmente non la ritengo capace. Ho creato un incidente apposta’. Dice che lavoro in Rai da vent’anni grazie a una persona sola”. Riguardo alla frase “Non parlo con le bestie”, su Facebook, Magalli aveva chiarito: “Ce l’avevo solo con lei, non con le donne che ho sempre rispettato e che forse si sentirebbero più insultate se sapessero come fa a lavorare da 20 anni…”. Un messaggio a cui la conduttrice aveva risposo con due denunce.

La lite tra i due continua da tempo, ma la carriera televisiva della Volpe si dirige adesso verso acque tempestose. A causa, a detta sua, della direzione di Viale Mazzini. “Mi spostano a Mezzogiorno in Famiglia – dice la showgirl – che il direttore di Rai2, Carlo Freccero, chiuderà. Scelta legittima. Ma quale donna ha il coraggio di denunciare se viene demansionata e resta senza lavoro? Quello che so è che in passato Magalli ha sempre cambiato le partner, il programma si identificava con lui. Forse ho offuscato qualcosa, non riesco a dare una giustificazione”. Ma la conduttrice non demorde: “Credo nella giustizia. Lunedì vedrò l’amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini, mi auspico che tuteli la mia dignità e quella di tutte le donne”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Norvegia, 24enne contrae la rabbia e muore: era stata morsa dal cucciolo che aveva soccorso durante una vacanza

next
Articolo Successivo

Terrapiattisti, il convegno a Palermo: “Lo sbarco sulla luna? Finzione”. E pure i giornalisti devono pagare per partecipare

next