Giancarlo Magalli rinviato a giudizio per diffamazione nei confronti di Adriana Volpe. A stabilirlo è stato il Tribunale di Milano, come riporta il sito Dagospia, secondo cui il conduttore de “I Fatti Vostri” dovrà presentarsi in aula il prossimo 15 luglio, data in cui si terrà la prima udienza del processo che lo vedrà imputato. I magistrati hanno accolto la richiesta della Volpe che era ricorsa a un avvocato in seguito a un’intervista rilasciata da Magalli al settimanale Chi nel novembre del 2017, in cui aveva usato durissime e insinuanti parole nei confronti della presentatrice sua collega.

Insomma, continua così la diatriba tra i due che, nel corso degli anni, dagli studi tv Rai si è spostata nelle aule di tribunale. Tutto iniziò con Adriana Volpe che nel corso di una puntata in diretta del programma di Rai2 sottolineò l’età del collega e, come riposta, venne definita “rompicoglioni”. La “crisi” professionale tra di loro poi continuò sui social, a colpi di post, diventando sempre più aspra.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toto Cutugno: “Al Bano mi ha salvato dal cancro”

next