di Kevin Kolsch e Dennis Widmyer. Con Jason Clarke, John Litgow. Usa 2019. Durata: 98’ Voto: 2/5 (DT)

Medico del pronto soccorso dalla grande metropoli si trasferisce in un piccolo paese del Maine con moglie, figlioletta, figlio piccolo, e il gatto Church. L’anziano vicino di casa gli mostra che in  mezzo al bosco, dietro alla loro villetta, c’è un cimitero per animali domestici. Se seppellisci lì qualcuno poi, seppur emaciato, bianchiccio e parecchio incavolato, ritorna in vita. Remake del primo adattamento del 1989 del romanzo di Stephen King che non calca la mano sulla fonte originaria (anzi ne modifica perfino alcuni risvolti narrativi) e che procede piatto e convenzionale sugli stilemi dell’horror contemporaneo mainstream. Jump scare a go-go, set poverello, traumi psicologici dei singoli che potrebbe diventare autonomi spin-off, e alcuni effettucoli in CGI che nemmeno Hitchcock con il chroma key. Azzeccato però il cast nella sua scarmigliata turbolenza interiore che fa tanto horror anni ‘80. King meritava comunque di meglio.

INDIETRO

Film in uscita, da I figli del fiume gialle a Tutti pazzi a Tel Aviv e poi Red Joan e Pet Sematary

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

What you gonna do when the world’s on fire? In un docufilm un pezzo di terra apparentemente nascosto

prev
Articolo Successivo

Sette libri per sette film horror indimenticabili: eccoli

next