di Sameh Zoabi. Con Kais Nashif, Yaniv Biton, Lubna Azabal. Israele/Lussemburgo/Francia/Belgio 2018. Durata: 97’.Voto: 3,5/5 (AMP)

“Dire a una donna sei una bomba è un’offesa o un complimento?”. Se dalle nostre parti non ci sono dubbi, questi si palesano in certi territori sensibili, fra cui la tormentata Cisgiordania il cui muro separa la quotidianità di chi vi abita. Tra loro è l’aspirante sceneggiatore palestinese Salam, arruolato da dialoghista in ebraico dallo zio produttore per la sit com superpopolare sia fra arabi che ebrei Tel Aviv on Fire ambientata nel fatidico 1967. Attraversando ogni giorno il checkpoint s’imbatte in un colonnello israeliano con velleità autoriali: da quel momento la trama della serie tv è sottoposta alle suggestioni da ambo le parti fra segreti, bugie e rocambolesche sorprese.

Applaudito e premiato (l’attore Kais Nashif) a Venezia Orizzonti 2018, Tutti pazzi a Tel Aviv offre un modello esemplare di come ridere di una tragedia, per dirla alla Chaplin, di come“prendere il proprio dolore e giocarci”. E la condizione, tanto in letteratura come nel cinema, non cambia: al centro deve stare una scrittura solida. In tal senso il film del palestinese Zoabi è doppiamente pertinente, sia in senso largo che stretto: largo perché la commedia è essenzialmente scrittura, e stretto perché si tratta di una luminosa “messa in scena” della scrittura. Un esempio di meta-cinema (meglio dire di “cinema sulla tv”) con lucidità politica e respiro etico: tentare la pace nel conflitto più lungo della Storia si può, ma purtroppo questa va ancora “filtrata” dalla finzione.

INDIETRO

Film in uscita, da I figli del fiume gialle a Tutti pazzi a Tel Aviv e poi Red Joan e Pet Sematary

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

What you gonna do when the world’s on fire? In un docufilm un pezzo di terra apparentemente nascosto

next
Articolo Successivo

Sette libri per sette film horror indimenticabili: eccoli

next