“Non mollare, ti aspetto per continuare a crescere insieme”. E’ stata la piccola Raffaella a scrivere il cartello, incaricando la mamma di affiggerlo al cancello d’ingresso dell’ospedale pediatrico Santobono di Napoli. Qui, da venerdì pomeriggio, è ricoverata Noemi, appena 4 anni.

E’ in rianimazione, intubata e in coma farmacologico. Un proiettile da guerra con incamiciatura d’acciaio le ha fratturato la scapola sinistra, poi ha attraversato la parte bassa del polmone di destra, è sgusciato dietro al cuore e ha sfiorato i grossi vasi sanguigni, per impattare e scaricare parte della sua forza cinetica contro la sesta vertebra toracica, andata distrutta in tanti frammenti di osso. Un urto che ha rallentato e poi fermato la potenza del proiettile dopo aver trapassato il polmone sinistro. Le immagini della diagnostica sono drammatiche, tragiche e dovrebbero essere mostrate in particolare a coloro che, in queste ore, sanno e non parlano.

C’è chi aiuta, collabora, mantiene il silenzio e copre l’uomo vestito di nero che ha sparato. Codardia, connivenza, convenienza. Sono partenopei che, ripetendosi per una intera vita di merda è cos’ e nient, sono diventati loro cos’ e nient. Il video catturato dalle telecamere in piazza Nazionale nei pressi del bar Elite svela l’atrocità, la banalità del male, la fine di qualsiasi sentimento umano.

Il killer è impacciato, si muove male, impugna l’arma e spara senza padronanza. Noemi è a terra, alza la mano e chiede aiuto. L’energumeno la scavalca una prima volta per raggiungere e scaricare il caricatore addosso a Salvatore Nurcaro, 32 anni, obiettivo del raid armato. L’uomo nello scappare sfiora nuovamente il corpo della piccola che continua a tenere il braccio alzato. Sarà un dipendente del bar a soccorrerla, a tenerle la mano, accarezzarla e riscaldarla. La scena è immortalata in fermo immagine. Fa accapponare la pelle, mette rabbia, tanta rabbia. Cambia davvero poco se l’attentatore non è un killer di un clan: resta lo sconcerto, la drammaticità e l’abbandono di una città in perenne guerra.

C’è stata una reazione, una manifestazione per gridare “no” alla camorra. Addirittura Antonio Piccirillo, figlio di un boss, è sbucato dalla folla e impugnando il megafono ha pronunciato parole nette, forti, significative, come anni addietro fece Nunzio Giuliano, dissociatosi dalla sua famiglia-clan del rione Forcella.

L’oca è alla casella di partenza. Occorre che ce lo dicano: Napoli fa parte dell’Italia? Napoli è un problema per questo Paese? Napoli è ancora una metropoli europea? La vibrante e grave denuncia di Federico Cafiero de Raho, procuratore nazionale antimafia e terrorismo, avrebbe fatto saltare tutti dalla poltrona. Invece, le sue parole sembra siano state catalogate come lo sfogo di un magistrato esperto, bravo e stimato, ma coinvolto emotivamente: è napoletano. Non cito il ministro dell’Interno Matteo Salvini, perché non è un interlocutore nella lotta alle mafie, in pratica non è mestiere suo: più parla e più mostra incompetenza.

Occorre acciuffare chi venerdì pomeriggio non solo poteva commettere una strage, ma ha calpestato per due volte il corpo di una bimba ferita e distesa a terra. Tocca ai napoletani metterci la faccia: chi sa parli e aiuti lo Stato a fare fino in fondo il proprio dovere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Comizio di Salvini a Salerno, i poliziotti fanno togliere a una signora lo striscione contro la Lega

next
Articolo Successivo

G8 di Genova, risarcito dal ministero dell’Interno devolve i soldi all’Ong Mediterranea e alla nave mare Jonio

next