I medici dell’ospedale pediatrico Santobono di Napoli non posso sciogliere ancora la prognosi per la bimba di 4 anni ferita durante un agguato a Napoli due giorni fa. Le sue condizione restano “estremamente gravi”: il proiettile ha attraversato i polmoni da destra a sinistra, senza però ledere il cuore (la orta è stata sfiorata), un millimetro e non ci sarebbe stato scampo. “Persiste una grave insufficienza respiratoria derivante dal danno polmonare” dice il bollettino e la piccola è ovviamente sedata e “collegata a un ventilatore”. La risonanza magnetica effettuata ieri ha “escluso compromissione del sistema nervoso centrale e periferico”.

Sulla sparatoria di Napoli è intervenuto anche il procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero de Raho:Queste sono scene da Medioevo. Chi vive a Napoli non può accettare il rischio di essere colpito da una camorra senza freni –  dice in un’intervista a La Repubblica – Quelli di Napoli  sono cittadini italiani a cui dobbiamo una risposta più forte. Che meritano un intervento dello Stato centrale: un investimento più radicale e costante sulla sicurezza nella capitale del Sud”. Secondo Cafiero de Raho, i 137 poliziotti in più inviati dal ministro dell’Interno Salvini nel capoluogo partenopeo “vanno bene, ma non bastano, non sono la risposta. Mi pare evidente“.
Il procuratore chiede un intervento più forte dello Stato centrale: “Un tavolo nazionale, il comitato per la sicurezza. Ogni mese: Ministro dell’Interno, capo della polizia, comandante generale dell’Arma e della Finanza, i livelli giudiziari. Piano di prevenzione e repressione, ma dispiegando tutta la ‘strumentazione’ che la nostra legislazione antimafia, la migliore al mondo, ci offre”. Per il procuratore, che lo ribadisce anche in un’intervista a Il Messaggero, serve applicare il ‘modello Caserta‘: “Quel modello funzionò. Ci si vedeva periodicamente: per registrare i passi avanti, valutare i risultati, modulare le risorse”. E pensa che “la politica in generale, a parte pochissime eccezioni”, non consideri una priorità l’azione di contrasto alla mafia e alla camorra e “non eserciti già al suo interno quella selezione e capacità di filtro indispensabile per il contrasto non solo giudiziario ma civile alla penetrazione delle mafie”.

Il presidente della Camera Roberto Fico è stato in ospedale e ha incontrato i familiari della piccola e i medici che la stanno curando.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aeroporto Fiumicino, black out Alitalia: passeggeri registrati con carta e penna, rinviati imbarchi e partenze

next
Articolo Successivo

Lago di Garda in tempesta, vento forte e onde alte: le immagini da Desenzano sono impressionanti

next