Si infiamma lo scontro sulla presenza della casa editrice vicina a Casapound, Altaforte, al Salone del Libro di Torino. L’evento ha registrato diverse defezioni, dal collettivo Wu Ming a Francesca Mannocchi fino a Tomaso Montanari, Zerocalcare, Carlo Ginzburg, Salvatore Settis e Roberto Piumini.
La polemica è diventata ancora più rovente a seguito dell’intervista rilasciata alla trasmissione radiofonica La Zanzara (Radio24) da Francesco Polacchi, editore di Altaforte e coordinatore regionale di Casapound in Lombardia.

Ai conduttori, Giuseppe Cruciani e David Parenzo, Polacchi ha spiegato che la decisione di pubblicare il libro di Salvini, Io sono Matteo Salvini, intervista allo specchio, non è stata del leader della Lega: “La nostra giornalista Chiara Giannini ha scelto di pubblicare l’intervista-biografia del politico con noi per tutta una serie di motivi e io ho colto al volo l’occasione”.

Poi, come nella trasmissione “Un giorno da pecora”, si è professato orgogliosamente fascista e ha aggiunto: “Benito Mussolini sicuramente è stato il miglior statista del secolo scorso. Se mi portate un altro statista come lui, parliamone, però non credo ce ne siano. De Gasperi o Einaudi? Einaudi? Ma stiamo scherzando?“.

Inevitabile la querelle con Parenzo, a cui l’esponente ha replicato con tono piccato: “Ognuno ha le sue idee. Non posso dire che sono fascista? E invece sì, sia teoricamente, sia tecnicamente. Allora, scusami, rinuncia a tutte le conquiste fatte dal fascismo. Io ritengo che il fascismo sia stato assolutamente il momento storico e politico che ha sicuramente ricostruito una nazione che era uscita perdente e disastrata quantomeno dalla Prima Guerra Mondiale“. Vale la pena ricordare che la libertà d’espressione, durante il Ventennio, non esisteva. Così come buona parte dei diritti fondamentali era stata azzerata e anzi erano state approvate norme infami come le leggi razziali. Chi si opponeva al partito fascista veniva ucciso (Giacomo Matteotti, i fratelli Rosselli) o costretto all’esilio (Piero Gobetti). Solo la Resistenza, contrariamente a quanto sostiene Polacchi, ha portato alla costruzione e alla nascita della Costituzione, che sancisce quelle libertà di cui gode anche l’editore di Altaforte. Sulle cosiddette “cose buone” fatte da Mussolini, invitiamo alla lettura di questo articolo ed eventualmente al libro di Francesco Filippi, Mussolini ha fatto anche cose buone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Finge di fare il selfie con Salvini, poi: “Non siamo più terroni di m***?”. Lui si arrabbia e fa intervenire la digos

prev
Articolo Successivo

Pietro Tatarella e Fabio Altitonante, chi sono i 2 consiglieri di Forza Italia arrestati nell’inchiesta su appalti e tangenti

next