Il padre delle province – anche se forse sarebbe il caso di parlare di nonno – fu Urbano Rattazzi. Correva l’anno 1859 e l’Italia non esisteva ancora. Il regno di Sardegna aveva appena annesso alcune parti delle Lombardia e Rattazzi – allora ministro dell’Interno del governo La Marmora – ne approfittò per ridisegnare l’architettura amministrativa sabauda dividendo lo Stato in province, circondari, mandamenti e comuni. Non un’idea originalissima: Rattazzi voleva creare uno Stato molto centralizzato e quindì copiò il sistema usato dalla Francia. D’altra parte in Italia l’idea di circondario provinciale esisteva già nel Medioevo dei comuni. Quello schema ai Savoia piacque: venne dunque esteso anche all’Italia unita. Poi nel 1948 le province finirono nella neonata Costituzione repubblicana all’articolo 114. Nessuno, all’epoca, si sognava di eliminarle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensioni d’oro, Fico: “Tagliate quelle dei dipendenti della Camera. Risparmio da venti milioni l’anno”

next
Articolo Successivo

Indennità, dietrofront di Zanda: “Ritirerò proposta per salvaguardare Pd. E querelo Di Maio”. M5s: “Avevamo ragione noi”

next