“L’accordo del 6 settembre sull’Ilva è stata una violenza, ha portato alla morte della classe operaia. Si è raggiunto senza un’ora di sciopero e si sono mandate a casa 1600 persone. E non è stato risolto il problema dell’occupazione”. È il messaggio che un operaio Ilva, Raffaele Cataldi, ha voluto mandare dal concerto del 1 maggio di Taranto. Il lavoratore da ottobre, dopo l’accordo siglato al Mise, si trova in cassa integrazione.”Sono tra quelli che l’azienda ha deciso di lasciare a casa, forse perché sono meno produttivo o forse perché denunciare fa male. non ho preso l’incentivo perché Taranto è una città che non offre niente e il governo ha pensato che la nostra vita valga 70mila euro”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Uno Maggio libero e pensante, il messaggio di Pietro Marrone dalla nave Mediterranea: “Guardare il cuore non la pelle”

prev
Articolo Successivo

Piacenza, morto il muratore che era stato travolto da un blocco di cemento

next