“L’accordo del 6 settembre sull’Ilva è stata una violenza, ha portato alla morte della classe operaia. Si è raggiunto senza un’ora di sciopero e si sono mandate a casa 1600 persone. E non è stato risolto il problema dell’occupazione”. È il messaggio che un operaio Ilva, Raffaele Cataldi, ha voluto mandare dal concerto del 1 maggio di Taranto. Il lavoratore da ottobre, dopo l’accordo siglato al Mise, si trova in cassa integrazione.”Sono tra quelli che l’azienda ha deciso di lasciare a casa, forse perché sono meno produttivo o forse perché denunciare fa male. non ho preso l’incentivo perché Taranto è una città che non offre niente e il governo ha pensato che la nostra vita valga 70mila euro”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uno Maggio libero e pensante, il messaggio di Pietro Marrone dalla nave Mediterranea: “Guardare il cuore non la pelle”

next
Articolo Successivo

Piacenza, morto il muratore che era stato travolto da un blocco di cemento

next