“Ho mangiato, respirato e bevuto amianto per anni. E ora mi ritrovo in questo stato”. A raccontare la propria storia è Silvestro Capelli, ex dipendente della Breda, che ha sfilato in corteo a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, insieme a lavoratori e familiari alla vigilia della Giornata mondiale delle vittime dell’amianto. “Mio marito è morto sei anni fa” ricorda Rossella Luongo, “sono qui per ricordare che di amianto si muore“. “C’era un operaio in fabbrica con me” prosegue Capelli, “gli dicevo: ‘Franco, cosa ci fai qui, vai a casa’. Era malato. Poco dopo morì, aveva 45 anni”. Nel capoluogo lombardo sono in corso processi contro i dirigenti delle aziende i cui dipendenti si sono ammalati e sono morti per via dell’amianto. L’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) ha previsto 1.800 nuovi casi di mesotelioma solo nel 2018.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amianto, 1800 nuovi ammalati nel 2018. Diverse tesi scientifiche: così per i giudici diventa difficile individuare i responsabili

next
Articolo Successivo

Prosecco, perché per me non dovrebbe diventare patrimonio Unesco

next