“Ho mangiato, respirato e bevuto amianto per anni. E ora mi ritrovo in questo stato”. A raccontare la propria storia è Silvestro Capelli, ex dipendente della Breda, che ha sfilato in corteo a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, insieme a lavoratori e familiari alla vigilia della Giornata mondiale delle vittime dell’amianto. “Mio marito è morto sei anni fa” ricorda Rossella Luongo, “sono qui per ricordare che di amianto si muore“. “C’era un operaio in fabbrica con me” prosegue Capelli, “gli dicevo: ‘Franco, cosa ci fai qui, vai a casa’. Era malato. Poco dopo morì, aveva 45 anni”. Nel capoluogo lombardo sono in corso processi contro i dirigenti delle aziende i cui dipendenti si sono ammalati e sono morti per via dell’amianto. L’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) ha previsto 1.800 nuovi casi di mesotelioma solo nel 2018.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amianto, 1800 nuovi ammalati nel 2018. Diverse tesi scientifiche: così per i giudici diventa difficile individuare i responsabili

next
Articolo Successivo

Prosecco, perché per me non dovrebbe diventare patrimonio Unesco

next