Il primo sindaco eletto dal Movimento 5 stelle in una grande città torna all’ovile. E si candida alle Europee, dopo aver parlato con Alessandro Di Battista. Una notizia che Federico Pizzarotti pubblica sul suo profilo facebook. Ma che è chiaramente un Pesce d’aprile. “Devo dare delle spiegazioni ad Alessio Pascucci, Benedetto Della Vedova, a
Italia in Comune e Più Europa, è l’incipit del post del sindaco di Parma che tagga i suoi attuali alleati in vista delle Europee.

“Confermo qui quello che alcuni giornalisti di la Repubblica e Corriere della Sera mi hanno chiesto durante la giornata movimentata di ieri pomeriggio, causando una possibile fuga di notizie. Sì, io e Alessandro Di Battista, che ringrazio, ci siamo sentiti al telefono. Abbiamo parlato a lungo sulla situazione attuale, del sud America e delle prossime avventure in giro per il mondo, maturando l’intenzione di fare un passo indietro rispetto a ciò che è stato annunciato ieri sulla sua candidatura alle Europee”, continua il primo cittadino.

Che poi annuncia la sua candidatura, insieme a quella di Alessandro Di Battista. “Nonostante le incomprensioni di questi anni tra me e i 5 stelle, ci siamo detti che candidarsi alle Europee con il Movimento, insieme, è ora concretamente possibile, ma ad alcune condizioni che renderemo note più avanti. Nel nord est il sottoscritto, Ale nel centro”. Quindi, alla fine del post, arriva anche la citazione – con tanto di stoccato – per il capo politico del M5s. “Ora si tratta solo di chiudere l’accordo con Di Maio, al quale stamani abbiamo inviato una email con le nostre condizioni, tra cui la possibilità di rimangiarci almeno due promesse elettorali una volta eletti, a piacimento. Visti i tempi strettissimi, mi auguro la legga… al più presto”.

Un evidente Pesce d’aprile quello di Pizzarotti, eletto dal M5s nel 2012 e sospeso nel 2016 per non aver comunicato in tempo di essere indagato per le nomine al Teatro Regio. Dopo aver inviato le sua controdeduzioni, il sindaco di Parma non aveva avuto più notizie ufficiali su un suo possibile reintegro nei ranghi del Movimento. Aveva quindi deciso di uscire dal M5s. Nel 2017 si era comunque ricandidato con una lista civica centrando l’elezione.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl Pillon, Spadafora (M5s) lo archivia: “È chiuso. Legge non arriverà mai in aula”

next
Articolo Successivo

Verona, il tweet di Ikea: “Non c’è bisogno di un congresso per capire cosa è una famiglia”. Poi lo spot: “Naturale no?”

next