C’è un indagato nella nuova inchiesta della procura generale di Bologna sui mandanti e i finanziatori della strage di Bologna. Si tratta dell’ex generale Quintino Spella, oggi novantenne, accusato di depistaggio in relazione alla bomba fatta esplodere nella stazione del capoluogo emiliano il 2 agosto 1980 che provocò 85 morti e oltre 100 feriti.

Spella, che all’epoca era il responsabile del Sisde a Padova, è stato interrogato dai magistrati bolognesi della procura generale. La circostanza è emersa oggi durante l’udienza del processo in Corte d’Assise contro l’ex Nar Gilberto Cavallini, accusato di concorso in strage.

Oggi Spella avrebbe dovuto testimoniare, ma il suo avvocato Luisa Granata ha presentato un certificato medico sostenendo che Spella non è in grado di testimoniare per motivi di salute. È stato lo stesso avvocato a sottolineare che Spella è indagato dalla Procura generale.

L’ex generale è il funzionario del Sisde a cui il magistrato Giovanni Tamburino (che ha testimoniato davanti alla Corte d’Assise in una delle scorse udienze) disse di essersi rivolto dopo aver raccolto, nel luglio 1980, le dichiarazioni dell’estremista di destra Luigi Vettore Presilio. Quest’ultimo gli disse che, di lì a poco, sarebbe stato realizzato un attentato con una bomba “di cui avrebbero parlato i giornali di tutto il mondo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cuneo, violenze sessuali su 13enne contattata su Instagram: arrestato un alpino. L’Esercito: “Indegno e immorale”

next
Articolo Successivo

Nasrin Sotoudeh, la sua condanna è un insulto al genere umano

next