Fare il tifo per Wes Anderson o per Mamoru Hosoda. Ma quanto siamo stilosi al FQMagazine? Nella categoria del miglior film d’animazione per gli Oscar 2019 il nostre cuore batte per Mirai e Isle of dogs.

Anche se, ovviamente, la Disney, con Ralph spacca Internet e Gli Incredibili 2 (Pixar), non si farà sfuggire l’ambito premio come oramai accade da non si sa bene quanti millenni. L’Oscar come miglior film d’animazione è una questione di monopolio industriale e creativo puro e semplice. Impossibile da valicare, da scalfire, da distruggere.

Se si eccettua il 2011 quando Rango (Nickelodeon) raccolse l’Oscar in un annata scialba per tutti, quando il duo Disney/Pixar presenta l’ammiraglia, o le navi ammiraglie, tutti corrono a lustrarle l’ambita statuetta e a consegnargliela. Insomma, non c’è gara. A priori. Pur con un sequel targato Pixar di un filone non proprio memorabile (Gli Incredibili nel 2004 ha vinto l’Oscar) che sa sensibilmente di tappo (comunque nono miglior incasso di tutti i tempi negli Usa con oltre 600 milioni di dollari), e con l’altro seguito home made in 3D di Ralph Spacca Internet (oltre 500 milioni di dollari al box office, ma negli Usa solo 199 milioni…) prodotto che riporta il genere ad una fase culturalmente puberale da canale digitale per ragazzi.

Eppure i contendenti per vincere, e anche meritatamente, ci sono. Intanto Spider-Man: Into the spider-verse. Produzione Sony, regia di Bob Persichetti, Peter Ramsey, Rodney Rotman, e un incontenibile mood giocoso, generazionalmente crossover, ricamo vivace e spiritoso attorno alla figura del supereroe Spider-Man. Roba da “alternative universes”. Uno, nessuno, centomila uomini ragno. Miles Morales, il protagonista afro-latino, è un simpatico ragazzetto che si ritrova sui malgrado successore di Peter Parker con una tutina corta sui polpacci comprata in cartoleria, ma anche Spider Man tra altri replicabili e replicati Spider Man. Un tentativo felice di rilanciare un franchise che altrimenti avrebbe vivacchiato penzolante a qualche ragnatela del passato. Se invece viaggiamo verso Oriente, recuperiamo un altro nominato di pregio. 

Oscar 2019, miglior film d’animazione: Disney e Pixar imbattibili ma noi tifiamo per il giapponese Mirai e per Isle of dogs di Wes Anderson

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

David di Donatello 2019, le nomination. Per la prima volta due donne candidate alla miglior regia. Dogman fa incetta di candidature

next
Articolo Successivo

Oscar 2019, miglior fotografia: vincerà il bianco&nero? Alfonso Cuaron in pole position con Roma

next