I paradisi fiscali delle mafie? Oggi sono in Europa. Lo sostiene il procuratore generale di Palermo, Roberto Scarpinato, intervenendo a un incontro sulle infiltrazioni delle mafie nell’impresa legale in corso all’auditorium Rai di Palermo. “Nei Paesi europei è stato confiscato l’1 percento del fatturato globale delle mafie, praticamente il rischio di confisca è prossimo allo zero, eppure i più grandi paradisi fiscali sono in Europa”, ha detto il magistrato siciliano. Secondo il quale “la mafia dei mercati in Italia ha contribuito a farci rimanere nel patto di stabilità. Noi continueremo a fare indagini e arrestare estorsori, ma è bene comprendere che la battaglia si svolge a livello macro politico. In Europa non c’è l’interesse a fare un’analisi del sangue ai capitali finanziari che fanno girare l’economia e il capitalismo delle mafie è un capitolo importante del capitalismo finanziario”.

Il procuratore generale di Palermo ha spiegato il cambiamento epidermico delle associazioni criminali sul fronte del business. “Nel 2017 soltanto in Sicilia sono stati spesi oltre 4 miliardi nel gioco d’azzardo – ha aggiunto Scarpinato – ci troviamo di fronte a un nuovo modo di operare delle mafie ‘mercatiste’ che offrono una serie di beni e servizi, dagli stupefacenti all’azzardo, alla prostituzione e che mutano anche il rapporto tra mafia e popolazione, stabilendo rapporti collusivi con reciproci tornaconti economici. Una traiettoria che ha portato le nuove mafie dalla violenza al consenso, mettendo in difficoltà la corte di Cassazione nell’applicazione dell’articolo 416bis, che presuppone invece il ricorso al metodo violento”, ha continuato Scarpinato. Che poi ha raccontato un aneddoto: “Ricordo la conversazione  avuta con un boss in un carcere canadese che mi ha detto: “Prima la politica controllava l’economia, oggi è il contrario. Noi (riferendosi ai boss, ndr) siamo il cuore nero dell’economia, ma sempre economia siamo”. Ai paradisi fiscali in Europa è dedica un’inchiesta pubblicata sul numero di Fq Millennium in edicola a febbraio. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reggio Emilia, spari e richieste di pizzo alle pizzerie: fermati i figli di Francesco Amato, condannato nel processo Aemilia

prev
Articolo Successivo

Bloody money, i retroscena dell’inchiesta. Sasha Biazzo: “Così si parte dal trafficante di rifiuti e si arriva al politico”

next