“Prima è toccato ad Andreotti, poi a Craxi, poi a Berlusconi, ora a Salvini”. Questo il pensiero e le parole dei militanti della Lega, che tra ieri e oggi si stanno recando ai gazebo in quasi 2000 piazze italiane per raccogliere le firme a favore del ministro degli Interni nella vicenda della Diciotti e dell’autorizzazione a procedere su cui si dovrà esprimere il Senato. La paura è che “i magistrati sono tutti di sinistra e che finirebbe male” e c’è la convinzione che “un ministro non possa farsi dettare la linea da un giudice”. Quindi i sostenitori di Salvini sono compatti: niente processo. Anche perché, sostiene qualcuno, i migranti “sono tutti ragazzoni alti un metro e novanta e non c’è stato nessun sequestro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini gioca (come Berlusconi) la carta del perseguitato: “Sono il ministro più denunciato e indagato della storia”

next
Articolo Successivo

Poliziotti in divisa a banchetto pro-Salvini la questura di Ascoli apre un’inchiesta. Polemica: “Foto da Paese autoritario”

next