Mercoledì il premier Giuseppe Conte aveva anticipato che “se lo aspettava”. Oggi l’Istat ha confermato l’anticipazione e le previsioni della Banca d’Italia: nel quarto trimestre 2018, in base alle stime preliminari, il pil italiano è calato. La contrazione è stata dello 0,2% rispetto al periodo precedente. Si tratta del secondo trimestre in negativo dopo il -0,1% del periodo luglio-settembre. L’Italia è quindi tornata tecnicamente in recessione registrando il peggiore risultato da cinque anni a questa parte: per ritrovare un calo simile si deve risalire al quarto trimestre 2013. Il pil dell’Eurozona nel quarto trimestre è invece cresciuto dello 0,2%, come nel terzo.

Nell’intero 2018 il pil italiano corretto per gli effetti di calendario è aumentato dello 0,8%. La variazione annua stimata sui dati trimestrali grezzi è invece pari all’1% (nel 2018 vi sono state tre giornate lavorative in più rispetto al 2017). L’Eurozona anno su anno, stando ai dati Eurostat, cresce dell’1,8%. La frenata di fine 2018 “determina un ulteriore abbassamento del tasso di crescita tendenziale del Pil, che scende allo 0,1%, dallo 0,6% del trimestre precedente”, sottolinea l’Istat.

Inevitabile l’impatto sulla crescita attesa per il 2019: la crescita acquisita per l’anno in corso, quella cioè che si realizzerebbe se tutti i trimestri del 2019 registrassero una variazione del Pil pari a zero, scende a -0,2%. La previsione del governo a dicembre è stata rivista al ribasso da +1,5 a +1%. A gennaio Banca d’Italia e Fondo monetario internazionale hanno tagliato le proprie stime sul 2019 portandole a 0,6%.

Indagando le cause della contrazione, l’Istat scrive che la stima, “che ha natura provvisoria, riflette dal lato dell’offerta un netto peggioramento della congiuntura del settore industriale a cui si aggiunge un contributo negativo del settore agricolo, a fronte di un andamento stagnante delle attività terziarie”. La produzione industriale a novembre ha fatto registrare un calo del 2,6% soprattutto per effetto del crollo del 19,4% del settore autoDal lato della domanda, c’è un contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un apporto positivo della componente estera netta.

Conte ha legato la frenata italiana al rallentamento di Cina e Germania. Berlino ha schivato la recessione archiviando il quarto trimestre in positivo ma stima di aver chiuso l’anno con una crescita calata all’1,5% dal 2,2% dei due anni precedenti e ieri ha quasi dimezzato la previsione di crescita per il 2019 portandola “prudenzialmente” da +1,8 a +1%. Bene invece la Spagna, che nel quarto trimestre ha visto crescere il pil dello 0,7%, più delle attese degli analisti. Su base annua, il Pil è cresciuto di 2,4%.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conti pubblici, Ufficio bilancio: “Complesso evitare aumenti Iva. Possibili tagli consistenti alla spesa sanitaria”

next
Articolo Successivo

Pil, Tria: “Si restringe il divario di crescita rispetto all’Eurozona”. Ma il gap è stabile intorno all’1% dal 2016

next