Crolla la produzione industriale italiana a novembre 2018: i dati diffusi dall’Istat raccontano una diminuzione dell’1,6% rispetto ad ottobre e del 2,6% rispetto a novembre 2017. Un trend che segue quello dei maggiori Paesi europei, dove dopo gli andamenti negativi di Francia e Germania, anche Spagna e Gran Bretagna hanno registrato il segno meno, tanto da lasciar presagire una possibile recessione in tutta Europa. Tornando all’Italia, a novembre è precipitata in particolare la produzione nel settore auto: secondo i dati Istat, l’indice corretto per gli effetti di calendario ha registrato un calo del 19,4% su base annuale. Le flessioni maggiori si sono registrate, altrimenti, nell’industria del legno, della carta e stampa, nell’attività estrattiva e nella fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche.

“Mi attendevo e temevo un dato negativo: già i dati per alcuni partner europei erano stati anticipati, ed era difficile che anche per l’Italia non fosse di segno negativo”, ha commentato il premier Giuseppe Conte. “Ma ancor di più è importante aver anticipato prima e compreso che sarebbe stata questa la ragionevole evoluzione del trend economico e ancora per questo è stato ancor più importante intervenire con quella manovra economica nel segno della crescita e dello sviluppo sociale”, ha aggiunto.

Nei primi undici mesi del 2018 la produzione industriale italiana è comunque cresciuta dell’1,2% rispetto all’anno precedente, sottolinea l’Istat, nonostante i dati negativi delle stima sulla produzione di novembre. L’istituto aggiunge che nella media del trimestre settembre-novembre 2018, il livello della produzione registra una flessione dello 0,1% rispetto ai tre mesi precedenti.

L’indice destagionalizzato mensile, sottolinea l’Istat, mostra un aumento congiunturale solo nel comparto dell’energia (+1,0%). Variazioni negative registrano, invece, i beni intermedi (-2,4%), i beni strumentali (-1,7%) e i beni di consumo (-0,9%). Su base annua, gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano invece a novembre 2018 una moderata crescita tendenziale solo per i beni di consumo (+0,7%). Diminuzioni rilevanti si osservano, invece, per i beni intermedi (-5,3%), per l’energia (-4,2%) e, in misura più contenuta, per i beni strumentali (-2,0%).

L’andamento nei settori – I settori di attività economica con variazioni tendenziali positive sono le industrie alimentari, bevande e tabacco (+2,7%), la produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+1,3%) e le altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine ed apparecchiature (+1,1%). Calano invece rispetto a novembre 2017 tutti gli altri settori. Le maggiori flessioni si rilevano, viceversa, nell’industria del legno, della carta e stampa (-10,4%), nell’attività estrattiva (-9,7%) e nella fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (-6,7%).

Il settore auto – Crolla a novembre 2018 la produzione nel settore auto. Secondo i dati Istat, l’indice corretto per gli effetti di calendario ha registrato un calo del 19,4% su base annuale, cioè nel confronto con novembre 2017, e dell’8,6% su base mensile, ovvero nel confronto con ottobre 2018. Il dato conferma, ma con un ulteriore peggioramento, l’andamento di ottobre, quando era stato registrato un calo tendenziale del 14%. Nella media degli undici mesi 2018, la produzione è diminuita del 5,1%. Per quanto riguarda tutto il settore dei mezzi di trasporto, il calo è di -4,3 rispetto a novembre 2017.

Il trend europeo – La produzione industriale ingrana la retromarcia in tutta Europa. Il dato italiano su base mensile (-1,6%) è solo l’ultimo in ordine di tempo tra quelli negativi. In Germania il calo è stato addirittura dell’1,9%, in Francia dell’1,3% ed anche la Spagna ha registrato una diminuzione dell’1,5%. Poco migliori i dati in arrivo dalla Gran Bretagna, dove la produzione è scesa dello 0,4%. Nel terzo trimestre del 2018 l’Italia ha registrato un Pil negativo dello 0,1% e la Germania dello 0,2%. Due trimestri consecutivi di contrazione equivalgono per gli analisti alla cosiddetta “recessione tecnica“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Debito pubblico, venduti in asta 7 miliardi di Bot. Il tasso cala di 9 punti base rispetto al 12 dicembre

next
Articolo Successivo

Tesoro, il nuovo capo di gabinetto di Tria è Luigi Carbone. Prende posto di Garofoli

next