Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si attende che i dati preliminari sul pil italiano nel quarto trimestre 2018, che l’Istat diffonderà domani mattina, evidenzino una ulteriore contrazione dopo il -0,1% registrato nel periodo luglio-settembre, per effetto di fattori esterni come il rallentamento dell’economia in Cina e in Germania. L’Italia dunque sarebbe tecnicamente in recessione. “Nei primi mesi di quest’anno stenteremo ancora”, ha aggiunto il premier parlando in Assolombarda. “Ma ci sono tutti gli elementi di riscatto per ripartire nel secondo semestre”. Dal canto suo il ministro dell’Economia Giovanni Tria, parlando con i giornalisti a Washington, ha commentato: “Non drammatizzerei, non credo che cambi molto per la situazione italiana”.

“Abbiamo dati congiunturali che non sono favorevoli, e non dobbiamo girare la testa dall’altra parte. Ma non dipendono da noi, sono dovuti a fattori esterni, la Cina, la Germania, che è il nostro primo Paese per quanto riguarda l’export”. Questi dati, come quello che arriverà domani, “ci fanno pensare, ma dobbiamo guardare al futuro. Ci sono tutti gli elementi per sperare in un riscatto, di ripartire con il nostro entusiasmo, soprattutto nel secondo semestre, lo dice anche l’Fmi. Abbiamo una economia che crescerà, dobbiamo lavorare insieme, progettare gli strumenti per far crescere l’economia in modo robusto e duraturo”.

Fonti di Palazzo Chigi in serata hanno voluto precisare però che la manovra del governo M5S-Lega è entrata in vigore da poco. Quindi, i possibili dati negativi, dicono, “sono il frutto di politiche economiche scellerate degli anni passati e di dati congiunturali non favorevoli, vedi la Germania”. “La nostra Manovra è entrata in vigore meno di un mese fa: Reddito di Cittadinanza e Quota 100 produrranno i loro effetti a partire da aprile, ed è evidente a chiunque che la recessione tecnica del terzo e quarto trimestre 2018 è il risultato dei fallimenti del passato“. “Noi siamo qui per invertire la rotta, e lo stiamo facendo”, hanno spiegato. Parole a cui ha replicato l’ex ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan: “Sono dichiarazioni infami e ignoranti. I dati parlano chiaro. L’andamento negativo è cominciato con la nuova maggioranza e con l’impatto dello spread“.

Una settimana fa Conte aveva detto che nel 2019 “la crescita dell’Italia potrebbe arrivare fino all’1,5% nel 2019” e frenato sull’eventualità di una manovra correttiva perché, aveva spiegato, “non è il momento di parlare di correzioni, stiamo vedendo anche noi che si profila una congiuntura non favorevolissima ma consentiteci di mettere in atto le misure, in particolare sugli investimenti . C’è tempo per tutto, ora ci concentriamo su questo”. Ieri il centro studi Ref ricerche ha tagliato la previsione di crescita per il 2019 allo 0%, dopo che il Fmi l’aveva limata a 0,6%. La stima del governo resta all’1 per cento.

Intanto un sondaggio Reuters diffuso oggi conferma che l’economia italiana è scivolata in recessione tecnica nel quarto trimestre dell’anno scorso, scandito dalle fibrillazioni sui mercati finanziari legate allo scontro sulla manovra con Bruxelles, risolto solo a ridosso di Natale, in un contesto di generalizzato rallentamento dell’economia globale. La mediana delle stime converge su una flessione del Pil congiunturale di 0,1% dopo il calo di pari entità segnato nel terzo trimestre, il primo dopo quattordici mesi consecutivi di espansione. In media annua, il Pil italiano dovrebbe aver archiviato il 2018 con una crescita del Pil poco sotto 1%, in rallentamento da+1,6% segnato nel 2017, anno in cui si è registrato il ritmo di crescita migliore dal 2010.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Infiltrati nelle ong, Salvini: “Sento persone del settore ogni giorno”. Palazzotto: “Schiva le risposte, nessuna prova”

prev
Articolo Successivo

Lobby, sei mesi di buio su incontri di Di Maio. Il Mise corre ai ripari mettendo online (quasi) tutti gli appuntamenti

next