I campanelli di allarme continuano a suonare. In particolare per i bambini. Nelle tre città più inquinate della Puglia (Brindisi, Taranto, Manfredonia) vi è un eccesso significativo dell’88% di parti prematuri. Lo attesta un recente studio di Anna Maria Nannavecchia, dell’Aress Puglia che sottolinea: “Numerose evidenze riportano possibili associazioni tra esposizione a determinanti ambientali ed alterazione degli indici di salute riproduttiva”. E’ stata data finora poca evidenza a questa associazione fra parti pre-termine e inquinamento, ma è una realtà ormai diffusa e studiata in tutto il mondo.

“L’inquinamento atmosferico può danneggiare le persone non solo direttamente attraverso a respirazione, ma può anche compromettere seriamente la salute di un feto nel grembo della madre”, dice Chris Malley, ricercatore dello Stockholm Environment Institute (Sei) e autore principale del report pubblicato da Environment International.

Uno studio condotto congiuntamente dall’University of Cincinnati e dal Cincinnati Children’s Hospital Medical Center ha scoperto che tra i 19mila parti prematuri studiati, il 97% era avvenuto in posti pesantemente inquinati dalle polveri sottili. I ricercatori constatano inoltre che questi bambini nati “pre-termine” hanno maggiori probabilità di soffrire di iperattività, disturbi dell’attenzione, dello sviluppo e del comportamento, oltre a essere più suscettibili alle infezioni batteriche.

Vi sono altri studi che confermano questo fenomeno. Credo che non sia necessario continuare, passiamo al vero problema: quello politico-istituzionale. Sarebbe importante che la ministra della Salute Giulia Grillo incominciasse a occuparsi dei bambini di Taranto dopo la sentenza di Strasburgo sul caso Ilva. Nessuno ha protetto i bambini. Neppure questo governo che asserisce di essere il “governo del cambiamento”. Quella della Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo è una sentenza sull’Ilva che chiama in causa le responsabilità di tutti i governi, ossia dello stesso Stato Italiano, e chiama in causa direttamente le istituzioni che avevano il diritto di proteggere i diritti umani e non lo hanno fatto. E diritti umani significa bambini.

E’ una condanna a cui il governo attuale dovrà rispondere o cancellando l’immunità penale per i gestori dell’acciaieria o reagendo facendo ricorso.

Ho fatto una ricerca per capire cosa farà il governo: provate anche voi. Siamo di fronte al vuoto. Ad un imbarazzato silenzio. E allora ecco la voce dello sberleffo che spunta dagli artisti.
Il regista Giuseppe Giusto e l’attore Enzo Giraldo hanno realizzato un nuovo spot sull’Ilva e su questo governo, sempre graffiante e surrealeGuardatelo. Dite che ne pensate di questa situazione paradossale che – è facile prevedere – causerà altri parti prematuri, e non solo quelli.

https://www.youtube.com/watch?v=68TppSdtTM8&feature=

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matera, la frana cancella il centro storico: i palazzi (già sgomberati) cadono come birilli. Il video

next
Articolo Successivo

Il biodiesel doveva essere carburante ‘ecologico’. Ecologico col piffero!

next