Costringeva la figlia, di 11 anni, a vivere tra i rifiuti, in una casa senza elettricità. Quello che i carabinieri di Filogaso, in provincia di Vibo Valentia, hanno trovato all’interno dell’abitazione di una donna di 32 anni va ben oltre la definizione di degrado.

Avvertiti dai vicini della signora allarmati per i cattivi odori che provenivano dalla casa, questa mattina i carabinieri sono intervenuti sul posto. Ad aprire la porta è stata la madre, di origine brasiliane. All’interno dell’appartamento, privo di illuminazione, i militari hanno trovato di tutti: servizi igienici letteralmente sepolti da escrementi e rifiuti, il pavimento coperto di sporcizia così come gli arredamenti coperti dai sacchi della spazzatura. Ma anche le camere da letto utilizzate come depositi di rifiuti e gli arredi non più identificabili perché rivestiti di buste piene di immondizia.

Le immagini sono agghiaccianti anche perché la bambina che viveva lì con la madre ha solo 11 anni. A causa delle gravissime condizioni igieniche, i carabinieri hanno avvertito il sindaco della cittadina, l’Azienda sanitaria locale e il Tribunale dei minori che fa subito disposto l’affidamento della figlia a un parente.

È stato richiesto, inoltre, l’intervento di personale specializzato per la disinfestazione ed il ripristino dei luoghi. La donna, invece, è stata denunciata alla Procura di Vibo Valentia con l’accusa di maltrattamenti e violazione degli obblighi di assistenza familiare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salento, raid razzista in casa di un 22enne della Sierra Leone: colpito con una sedia. “Mi urlava: ‘Vai via, non è il tuo paese'”

next
Articolo Successivo

Castelnuovo di Porto, famiglie con bimbi ospitate dai cittadini: “Nuovo modello di accoglienza, così superiamo dl Salvini”

next