Il M5s ha deciso di ritirare l’emendamento che di fatto garantiva una sanatoria per gli stabilimenti balneari con procedimenti in corso. E ora si appella al Carroccio perché tolga anche il suo. Entrambe le richieste di modifica sono state presentate al decreto Semplificazioni in discussione in Senato in questi giorni e prevedono, tra le altre cose, che siano sospesi “i contenziosi amministrativi e il blocco delle procedure di decadenza e revoca delle concessioni balneari”. In mattinata i 5 stelle erano stati attaccati dal gruppo Pd. “Preparano un condono tombale“, avevano scritto in una nota Monica Cirinnà e Bruno Astorre, “in pieno accordo con i colleghi di governo della Lega. L’emendamento riguarda tutta Italia, ma avrà un effetto dirompente e immediato soprattutto ad Ostia, dove il M5s ha vinto le elezioni proprio annunciando la demolizione del cosiddetto ‘lungomuro’, la muraglia di stabilimenti che impedisce il libero accesso all’arenile. Daremo battaglia in Commissione e in Aula per impedire questo ennesimo scempio della legalità e della tutela ambientale”.

L’annuncio del passo indietro da parte dei 5 stelle è arrivato dopo le proteste di Angelo Bonelli dei Verdi e del Partito democratico. “Non ci sarà alcun condono”, ha detto il senatore M5s Emanuele Dessì. “Dopo quanto il Movimento 5 stelle ha fatto in una realtà come Roma per liberare il litorale di Ostia da un sistema di concessioni impregnato dall’illegalità, non lasceremo nessuna sponda a scorciatoie o regalie”. Proprio Dessì ieri, al Fatto Quotidiano, aveva dichiarato che la modifica era stata pensata per “andare incontro a chi si prende cura delle nostre spiagge”. E in particolare i piccoli imprenditori. Una volta però realizzata l’ampiezza della sanatori, i 5 stelle hanno deciso il passo indietro: “Accolgo con soddisfazione il ritiro dell’emendamento contestato. Esso, che in buona fede si dava l’obbiettivo di dare aiuti concreti ad attività che vivono una fase di difficoltà in alcune zone del Paese, purtroppo andava a impattare in maniera devastante in quelle aree d’Italia dove il malaffare è più radicato. Non si può creare nessuna sacca di ambiguità su questo fronte, per questo ho avuto subito una consultazione proficua con la sindaca Raggi e con la presidente Di Pillo, visto che in tante parti d’Italia c’è chi lotta per liberare le concessioni demaniali da potentati e crimine organizzato, come avviene oggi a Ostia. Abbiamo modo di pensare che anche la Lega possa seguirci su questa linea: per il Movimento 5 Stelle la legalità viene prima di tutto, questo dev’essere chiaro”. Come ha spiegato poi il collega M5s Marco Croatti, l’intento era quello di “dare sostegno alle tante sane attività in crisi che ci sono in Italia”: “Il nostro territorio presenta molte differenze tra regione e regione, ed e’ necessario tener conto di ognuna ed avere fermezza. L’auspicio ora è che faccia un passo indietro anche la Lega. Abbiamo tutti il dovere di stare sempre dalla parte della legalità”.

A favore del ritiro dell’emendamento è intervenuta anche la prima cittadina Virginia Raggi: “Giù le mani da Ostia”, ha scritto su Facebook. “Il lungomuro verrà abbattuto. Non ci sarà alcun condono per gli stabilimenti abusivi. Con il lavoro congiunto realizzato con i parlamentari del M5s è stato ritirato l’emendamento al dl Semplificazioni. A questo punto mi auguro che la Lega faccia lo stesso. Grazie alla nostra amministrazione Roma ha voltato pagina: le spiagge tornano libere e a disposizione dei cittadini. Lo scorso anno abbiamo abbattuto i primi chioschi abusivi e poche settimane fa anche il primo stabilimento sul lungomare di Ostia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trivellazioni e airgun, facciamola finita

prev
Articolo Successivo

L’Antartide si scioglie sempre più velocemente. E le conseguenze sono già irreversibili

next