La spaccatura odierna tra M5s e Lega in Commissione Ambiente? Siamo di fronte all’ennesima figuraccia di questo governo. Continuano a litigare ogni giorno come se fossimo nella Prima Repubblica“. Sono le parole pronunciate ai microfoni di Radio Radicale dal senatore Pd, Matteo Renzi, intervistato da Lanfranco Palazzolo.Viaggiano con le divise della polizia penitenziaria” – continua, riferendosi al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede e al vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio – “e non si accorgono che i loro video promozionali creano difficoltà agli agenti di polizia e comunque non risolvono i problemi della giustizia. Parlano di boom economico e abbiamo un dramma degli effetti del Dl Dignità sulla disoccupazione, che stiamo vedendo giorno dopo giorno, mentre tutti i dati dell’Istat dicono che stanno arrivando la crisi e la recessione“.
E rincara: “L’atteggiamento che abbiamo visto in questi giorni dimostra che altro che Terza Repubblica, come Salvini e Di Maio promettevano all’inizio di questa legislatura. Quelli che stiamo vedendo sono giochini da terza media e neanche troppo riusciti. E’, insomma, chiacchiericcio vecchio stile che non serve a nulla e che soprattutto non aiuterà la discussione vera in Italia”.
Sulla questione trivelle, per la quale il senatore della Lega, Paolo Arrigoni, ha chiesto al M5s di ritirare gli emendamenti, Renzi dichiara: “Non so cosa faranno. Non so di cosa discuteranno. Oggi siamo veramente di fronte a uno scenario di piccinerie e di piccoli ricattini. È un modo di fare che non onora il Parlamento. Siamo tornati ai tempi della Prima Repubblica”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trivelle, Arrigoni (Lega): “M5s ritiri emendamenti. Spesso non condividiamo loro metodo. Tav? Restiamo a favore”

prev
Articolo Successivo

Io, noi, Bonafede

next