Ci sono diversi modi per raggiungere una convivenza civile che non sia solo una coesistenza. Sono processi a volte lunghi e complessi, ma non impossibili e si fondano sull’educazione alla cittadinanza comune. E il senso di appartenenza a una comunità condivisa si costruisce a partire dall’infanzia, nella famiglia e nella scuola. Per questo, oggi più che mai, in una realtà sempre più articolata e sfaccettata, c’è bisogno di creare fondamenta comuni che costituiscano la base per una nuova società, che comprenda le differenze, trasformandole in ricchezza e non in motivo di scontro. La conoscenza dell’altro è l’unica strada da percorrere, se si vogliono abbattere i pregiudizi e la condivisione di regole e principi comuni: il terreno migliore su cui realizzarla è senza dubbio la scuola.

I bambini non hanno pregiudizi, non classificano i loro coetanei secondo parametri ormai logorati dal tempo e dalla storia. Guardano la realtà per quella che è e se vedono differenze, le pesano per ciò che valgono. Benché bistrattata da decenni, la nostra scuola è ancora uno dei pochi elementi di eccellenza di questo Paese e per questo deve essere sempre più supportata nel suo compito fondamentale di formare individui capaci, responsabili e cittadini. Perché la cultura non è solo nozionismo o regole astratte: imparare significa anche sapere chi si è, qual è il nostro posto nel mondo e quale quello degli altri. Imparare significa riconoscere in un volto un essere umano, innanzitutto, e semmai giudicarlo per ciò che fa, non per ciò che è.

Il razzismo è innanzitutto una deficienza nella relazione con gli altri, un non sapere comunicare, un non capire che essere è essere diversi. Per questo la raccolta di firme lanciata dall’Anci per una proposta di legge che reintroduca una o più ore di educazione civica nelle scuole di tutti i livelli è quanto mai importante. Perché più il mondo si fa complesso – e a un tempo molto vicino e molto lontano – più abbiamo bisogno di strumenti per comprenderne le mille sfaccettature. Declinata in chiave moderna e aperta, l’educazione civica può aiutare ad aprire nuovi spazi di dialogo, cosa di cui abbiamo quanto mai bisogno. Convivere si può, convivere si deve. Facciamolo, e in fretta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Udine, no ai bambolotti di pelle scura negli asili: vietati giocattoli riferibili a “diverse culture”

next