“Se il governo Conte ha frenato dopo mio stop ai rapporti diplomatici con il Parlamento dell’Egitto per i mancati sviluppi sul caso Regeni? No, sentirò Conte. E la Camera è stata compatta”. Così il presidente della Camera Roberto Fico, a margine di un convegno sui beni comuni. “Io isolato? In realtà, ieri è successa una cosa molto positiva, durante la conferenza dei Capigruppo dove erano presenti tutti i gruppi politici la mia decisione di sospendere qualsiasi rapporto diplomatico con Il Cairo e con l’Egitto, col Parlamento egiziano, è stato approvato da tutti all’unanimità con una presa di posizione molto forte dalla Lega, da Forza Italia, addirittura dal gruppo Misto, dal Pd e dal Movimento”, ha aggiunto. E sulla possibilità di richiamare un’altra volta l’ambasciatore al Cairo, ha precisato: “Vedremo, sarà una decisione del governo e della Farnesina. Intanto la Camera non farà alcun protocollo d’intesa con il Parlamento egiziano dato che non ci sono state svolte su Regeni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Sicurezza, Fico: “Ho preso le distanze? Avete interpretato bene. Global compact? Aderire assolutamente”

next
Articolo Successivo

M5s: “Contro di noi delegittimazione da parte di lobby e banchieri”

next