I Carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno arrestato Antonio Orlando, 60enne, ritenuto reggente del clan camorristico degli Orlando-Nuvoletta-Polverino. Inserito nell’elenco dei latitanti più pericolosi d’Italia, era ricercato da 15 anni. Nel suo rifugio a Mugnano c’erano una doccia solare, una sauna e anche un tapis roulant e poi pizzini e documenti d’identità

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pavia, si travestiva da fantasma per rubare dipinti e reperti storici. Nei guai anche un anziano appassionato di antiquariato

prev
Articolo Successivo

Torino, l’auto a guida autonoma brucia il semaforo rosso. L’infrazione in diretta facebook con Appendino e Chiamparino

next