Un enorme pacco regalo composto da rifiuti recuperati in plastica usa e getta: con questa installazione, comparsa questa mattina in centro a Milano, Greenpeace protesta contro il black friday. Sul fiocco che chiude il pacco, posizionato in corso Vittorio Emanuele, una delle vie dello shopping milanese, c’è scritto ‘il regalo che il pianeta non vuole’, mentre alcuni volontari reggono cartelli che dicono ‘Il pianeta non è usa e getta‘. Proprio oggi Greenpeace, insieme a Giacimenti Urbani, Fashion Revolution Italia e Zero Waste Italy, dà il via alla MAKE SMTHNG Week: una settimana di appuntamenti in giro per l’Italia per riscoprire “la bellezza di fare, riparare e creare, e di farlo insieme agli altri”

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Rai e il ministero sostengono il consumo di carne. Cinque cose che la loro pubblicità (non) dice

next
Articolo Successivo

De Luca, quel registro tumori è fatto da ‘ciarlatani’? Funziona meglio del tuo

next