Gioielli, cene, dispositivi elettronici, lavori di manutenzione e biglietti per le partite della Juventus in cambio del proprio aiuto a un’organizzazione che si occupava di fare entrare immigrati in Italia con falsi contratti di lavoro. È l’accusa con cui i carabinieri hanno arrestato Andrea Giangrasso, 69 anni, ex viceprefetto di Savona. Il funzionario, in pensione dal 2014, dovrà rispondere dei reati di favoreggiamento alla permanenza di immigrati clandestini in Italia, falso materiale e falso ideologico per induzione.

L’indagine, iniziata a marzo, nasce da una precedente operazione dei militari, denominata “Piramide”, al termine della quale erano finiti in manette cinque italiani e cinque egiziani per una vicenda di contratti di lavoro fittizi e matrimoni concordati. Uno degli arrestati, l’egiziano Ibrahim Bedir, considerato la “mente” della banda, nel corso degli interrogatori aveva rivelato che le pratiche erano seguite in prefettura da un “funzionario di fiducia”. Secondo l’accusa l’indagato sarebbe intervenuto quando gli stranieri, giunti in Italia con false promesse di assunzione, non si presentavano allo sportello dell’immigrazione per formalizzare la pratica: l’ex vice questore avrebbe fatto produrre da un medico, indagato, un falso certificato medico per giustificarne l’assenza. In seguito veniva firmato un contratto di assunzione con albergatori compiacenti nel quale gli stranieri risultavano aver lavorato per due mesi, con pagamento dei contributi Inps e in questo modo scattava la proroga del permesso. Oltre a Giangrasso e il camice bianco sono indagati anche un consulente del lavoro di Finale Ligure, un albergatore e lo stesso Bedir (attualmente ai domiciliari). “Fondamentale per l’indagine è stata la collaborazione degli uffici della Prefettura – spiega il comandante provinciale dei carabinieri, Dionisio De Masi – fin da subito ci hanno aiutato fornendoci materiale utile”. “Abbiamo aperto tutti gli archivi e il personale è stato sentito più volte – conferma il prefetto di Savona, Antonio Cananà – la disponibilità è totale, siamo i primi a volere che tutti gli aspetti della vicenda vengano chiariti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tiberio Barchielli, morto il fotografo ufficiale dei governi di Matteo Renzi e Paolo Gentiloni: aveva 60 anni

prev
Articolo Successivo

Terremoto, a Rieti scossa di magnitudo 3.4: epicentro vicino a Montenero Sabino

next