“Mi hanno rovinato la vita sul niente perché sono calabrese, perché sono di Cutro. Io ho vinto un Mondiale e sono orgoglioso di essere calabrese. Noi non abbiamo fatto niente perché con la ‘ndrangheta non c’entriamo niente. Sto soffrendo come un cane per la mia famiglia e i miei bambini senza aver fatto niente”. Così Vincenzo Iaquinta fuori dal tribunale di Reggio Emilia dopo la condanna a 2 anni nel processo di ‘ndrangheta, Aemilia. Accanto a lui, il padre, condannato a 19 anni.

(La prima parte del video è tratta da Facebook/Angelo Forgione; la seconda è di Francesco Aliberti)