“Mi hanno rovinato la vita sul niente perché sono calabrese, perché sono di Cutro. Io ho vinto un Mondiale e sono orgoglioso di essere calabrese. Noi non abbiamo fatto niente perché con la ‘ndrangheta non c’entriamo niente. Sto soffrendo come un cane per la mia famiglia e i miei bambini senza aver fatto niente”. Così Vincenzo Iaquinta fuori dal tribunale di Reggio Emilia dopo la condanna a 2 anni nel processo di ‘ndrangheta, Aemilia. Accanto a lui, il padre, condannato a 19 anni.

(La prima parte del video è tratta da Facebook/Angelo Forgione; la seconda è di Francesco Aliberti)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo Aemilia, l’ex calciatore della nazionale Vincenzo Iaquinta condannato a 2 anni

next
Articolo Successivo

Sentenza processo Aemilia, così tre anni fa l’Emilia scoprì le infiltrazioni del clan e i contatti con politica e imprenditoria

next