Oltre 200 bambini, tutti figli di stranieri tagliati fuori dal servizio mensa e scuolabus (il reportage “Niente più bambini stranieri a scuola” di Davide Milosa per Il Fatto Quotidiano), costretti a mangiare in stanze separate da quelle dei loro compagni italiani e a percorrere ogni mattina chilometri a piedi per raggiungere la scuola. Accade a Lodi, dove un regolamento firmato dal sindaco leghista Sara Casanova (qui il nostro articolo), costringe le famiglie straniere a presentare un documento del paese d’origine che attesta l’assenza di proprietà e di beni. Un foglio difficile da reperire, soprattutto in alcuni stati africani e sudamericani. E non sempre è sufficiente. La giornalista di PiazzaPulita (su La7) Micaela Farrocco è andata nella città lombarda e ha intervistato le mamme che stanno lottando perché i loro bambini possano usufruire dei servizi come gli altri. Qui proponiamo un estratto del reportage (la versione integrale è visibile a questo link)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pattinaggio, l’ex atleta azzurra Giada Dall’Acqua morta nel sonno a 28 anni

prev
Articolo Successivo

Protesta operai Fca, Prc denuncia: “Colpiti da Daspo per essere saliti su un tetto”

next