Oltre 200 bambini, tutti figli di stranieri tagliati fuori dal servizio mensa e scuolabus (il reportage “Niente più bambini stranieri a scuola” di Davide Milosa per Il Fatto Quotidiano), costretti a mangiare in stanze separate da quelle dei loro compagni italiani e a percorrere ogni mattina chilometri a piedi per raggiungere la scuola. Accade a Lodi, dove un regolamento firmato dal sindaco leghista Sara Casanova (qui il nostro articolo), costringe le famiglie straniere a presentare un documento del paese d’origine che attesta l’assenza di proprietà e di beni. Un foglio difficile da reperire, soprattutto in alcuni stati africani e sudamericani. E non sempre è sufficiente. La giornalista di PiazzaPulita (su La7) Micaela Farrocco è andata nella città lombarda e ha intervistato le mamme che stanno lottando perché i loro bambini possano usufruire dei servizi come gli altri. Qui proponiamo un estratto del reportage (la versione integrale è visibile a questo link)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pattinaggio, l’ex atleta azzurra Giada Dall’Acqua morta nel sonno a 28 anni

next
Articolo Successivo

Protesta operai Fca, Prc denuncia: “Colpiti da Daspo per essere saliti su un tetto”

next