“Basta puzza”. Oltre 300 persone, nonostante il maltempo e la zona non proprio ben collegata, hanno risposto all’appello del Municipio III e dei comitati di residenti per partecipare alla manifestazione contro i miasmi e il malfunzionamento del tmb Ama nel quadrante Salario di Roma. In piazza molti dei residenti e delle associazioni che nel 2016 votarono in massa Virginia Raggi e il M5S alle elezioni comunali in seguito alla promessa di una immediata chiusura del sito. L’impianto di proprietà della società capitolina dei rifiuti è al centro di una fortissima polemica per via del cattivo odore che da anni invade i quartieri Villa Spada, Castel Giubileo, Fidene e Nuovo Salario e che negli ultimi mesi si è fatto più forte, fra l’altro in coincidenza con l’aumento delle tonnellate di rifiuti indifferenziati trattati nell’impianto.
Sui miasmi e sul presunto malfunzionamento dell’impianto, la procura di Roma sta indagando da giugno, incrociando i dati dei carabinieri forestali con quelli dell’Arpa Lazio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto, cosa serve per capire se le nostre case sono a rischio

next
Articolo Successivo

Italiani come noi, ridurre il consumo di plastica? “Serve impegno ma si può”. “Manca una vera alternativa”

next