“Basta puzza”. Oltre 300 persone, nonostante il maltempo e la zona non proprio ben collegata, hanno risposto all’appello del Municipio III e dei comitati di residenti per partecipare alla manifestazione contro i miasmi e il malfunzionamento del tmb Ama nel quadrante Salario di Roma. In piazza molti dei residenti e delle associazioni che nel 2016 votarono in massa Virginia Raggi e il M5S alle elezioni comunali in seguito alla promessa di una immediata chiusura del sito. L’impianto di proprietà della società capitolina dei rifiuti è al centro di una fortissima polemica per via del cattivo odore che da anni invade i quartieri Villa Spada, Castel Giubileo, Fidene e Nuovo Salario e che negli ultimi mesi si è fatto più forte, fra l’altro in coincidenza con l’aumento delle tonnellate di rifiuti indifferenziati trattati nell’impianto.
Sui miasmi e sul presunto malfunzionamento dell’impianto, la procura di Roma sta indagando da giugno, incrociando i dati dei carabinieri forestali con quelli dell’Arpa Lazio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto, cosa serve per capire se le nostre case sono a rischio

prev
Articolo Successivo

Italiani come noi, ridurre il consumo di plastica? “Serve impegno ma si può”. “Manca una vera alternativa”

next